Conosciamo la biblioteca Spinucci di Comunanza

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

biblioteca comunanza

Di Massimo Cerfolio

COMUNANZA – La biblioteca civica “Pietro Spinucci” e’ stata aperta al pubblico nel luglio 2008, gestita dalla Sede Locale Archeoclub d’Italia, allestita in quattro  sale del  piano rialzato nel Palazzo Pascali in via Rossini 2. Frutto di due cospicue donazioni: la prima è del Prof. Pietro Spinucci già Docente poi Rettore dell’Università  di Lingue Straniere di Verona, nato a Comunanza e molto legato al proprio paese. Il patrimonio librario spazia tra la letteratura americana ed europea con testi in lingua, la poesia del  Novecento, teatro, Arte e Saggistica.

La seconda donazione, più cospicua, è quella degli eredi di Emidio Saladini Conte di Rovetino. Grande conoscitore di Arte e Cinema, vissuto a Roma  nel magico periodo felliniano,  il Conte Saladini ha lasciato, oltre a numerosi testi di narrativa italiana e straniera, Arte, musica, teatro, Cinematografia italiana e straniera.

Altre donazioni hanno arricchito la biblioteca di testi per ragazzi, Storia Locale, Psicologia, Pedagogia, Storia Contemporanea, Resistenza, Filosofia, Scienza e Classici Greci e Latini .

Il patrimonio  bibliografico disponibile di  9.511 testi (aggiornato al 19 ottobre 2013) comprendenti annualità di riviste  di letteratura e attualità dal 1901 al 1945 e di scienza dal 1968 al 2002.

Presso il Centro vi è anche una “Mostra documentata permanente su Giuseppe e Leone Ghezzi” Artisti di grande fama nati a Comunanza e vissuti nella Roma Barocca dei sec. XVII – XVIII.

Vi si organizzano mostre, incontri a tema, attività didattiche per scolaresche; proiezioni di pellicole originali di Muto dei primi ‘900 con proiettore coevo; ricerche documentarie, visite culturali.

La struttura è attrezzata per fungere da punto informativo e accoglienza turistica per tutto l’anno, allo scopo di promuovere le peculiarità del nostro territorio. Visite guidate a richiesta per tutte le realtà storico-artistiche e storico-naturalistiche. Una biblioteca che se pur statica molto dinamica sotto l’aspetto della programmazione, che la vede protagonista di eventi che spaziano dalla prosa alla poesia musicata con incontri a cadenza mensile ,che incantano puntualmente le numerose persone che vi assistono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *