Incontro internazionale delle famiglie a Roma, a tu per tu con don Alfredo Rosati

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Don Alfredo Rosati, parroco di San Niccolò dal settembre 2009.
Don Alfredo Rosati, parroco di San Niccolò

DIOCESI  – Grande partenza dalla nostra diocesi per la Giornata della Famiglia che si terrà questo fine settimana a Roma; domani mattina partiranno da diversi punti di raccolta 12 autobus alla volta di Roma per l’incontro internazionale delle famiglie con il Papa. “Questo incontro con Papa Francesco – dice Don Alfredo Rosati corresponsabile nell’Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare – è un incontro internazionale che si inserisce tra i grandi eventi dell’Anno della Fede che  terminerà il 24 novembre di quest’anno, ed è l’ultimo grande evento in questo ambito organizzato dal Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione che riguarda le famiglie e si inserisce nel contesto dell’impegno della Chiesa nella nuova evangelizzazione che vuole la famiglia come soggetto pastorale che evangelizza. Questo evento, inoltre, si pone in continuità con l’altro grande evento dell’anno scorso, l’Incontro Mondiale delle Famiglie a Milano con Papa Benedetto XVI; da quell’incontro il Papa invitò le famiglie a evangelizzare attraverso “l’irradiazione” che si diffonde dalla testimonianza viva dell’amore concreto ricevuto in famiglia.”

Don Alfredo, ci spieghi meglio questo evento?
Concretamente, questo incontro sarà un pellegrinaggio sulla tomba di Pietro, un evento che si inserisce tra le iniziative proposte per l’Anno della Fede. Il titolo stesso “Famiglia vivi la gioia della fede” mette in risalto il voler riscoprire la condivisione gioiosa della fede nelle famiglie perché la famiglia riscopra, come sottolineato durante il Convegno per Famiglie di Montemonaco 2013, il comune impegno con la parrocchia come educatori alla fede. L’incontro di Roma sarà una conclusione gioiosa del  percorso dell’Anno della Fede e una chiamata dal Papa Francesco per ricevere un mandato e tornare a casa con un impegno.

Quindi tutti pronti per partire. L’organizzazione deve essere stata molto impegnativa!
Sì, c’è stata una grande adesione e dobbiamo ringraziare  l’impegno di quelle coppie che spontaneamente si sono fatte promotrici, insieme ai parroci, di questo incontro a Roma; un percorso iniziato ad agosto per organizzare al meglio questo evento internazionale: la partenza è prevista per le ore 7, l’ingresso in San Pietro alle 14 e alle 17 inizierà l’animazione a cui seguirà l’incontro con il Papa. Sarà una professione di fede delle famiglie insieme a Sua Santità.

Cosa ti aspetti da questo incontro?
Mi aspetto che sia un evento gioioso che rafforzi la speranza che le famiglie, oggi, possano essere soggetti pastorali di evangelizzazione e che sempre più abbiano la consapevolezza che hanno ricevuto in dono, con il sacramento del matrimonio, la missione di testimoniare la fede attraverso l’amore reciproco e verso tutti; un amore concreto, vissuto in famiglia, che irradia un Vangelo vivo. Mi aspetto che il Papa ci dia delle indicazioni, delle vie nuove da percorrere per rilanciare questa missione e che, inoltre, in un periodo in cui c’è la crisi del matrimonio e dei legami interpersonali e in cui la famiglia viene messa alla periferia delle politiche e strategie sociali, il Papa confermi la bontà della scelta del matrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *