Truffe sui morti, nemmeno possono riposare in pace!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

mortiPESARO – Cadaveri sezionati per rubare pace-maker. Corredi funerari venduti a 500 euro e vestizioni a pagamento dei defunti eseguite senza versare un euro nelle casse dell’ospedale. Sette ex addetti della camera mortuaria sono stati arrestati dalla guardia di finanza, e altre 27 persone, fra cui medici e titolari di agenzie funebri, sono indagate per peculato e truffa. (da www.corriere.it)

“Un fatto grave, inqualificabile, sul quale agiremo con determinazione. Entro domani mattina attendiamo le relazioni dettagliate sull’accaduto che abbiamo subito chiesto alle direzioni dell’Azienda ospedaliera Marche Nord e dell’Asur, in modo da avere una ricostruzione completa della vicenda e valutare tutte le possibilità, compresa quella di costituirci come parte lesa”. È quanto afferma l’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani, in merito alla truffa sul caro estinto scoperta dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Pesaro. “La vicenda è emersa anche grazie alla collaborazione che l’Azienda Marche Nord ha assicurato agli investigatori – chiarisce Mezzolani – Abbiamo il massimo rispetto per il lavoro degli inquirenti che sta mettendo in luce un fatto inaudito che discredita la stessa attività dell’Ospedale San Salvatore. Saremo determinati nelle decisioni da prendere, una volta in possesso delle relazioni richieste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *