Messa di inizio anno scolastico dell’Istituto Capriotti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

 

Dal nostro settimanale Diocesano l’Ancora

MONTEPRANDONE – I ragazzi dell’Istituto Tecnico Commerciale Capriotti giovedì 3 ottobre verso le ore 8.30 sono partiti a piedi dalla scuola per recarsi al santuario di San Giacomo della Marca di Monteprandone per partecipare alla Messa di inizio anno scolastico.
Giunti al Santuario i ragazzi si sono diretti quasi subito in Chiesa dove l’insegnante di religione nonché parroco della Chiesa Regina Pacis, Don Pierluigi Bartolomei li ha preparati per l’inizio della Messa.
A celebrarla è stata il Vescovo Gervasio Gestori insieme a Don Pierluigi, Don Roberto Melone, e i diaconi Don Matteo Calvaresi, Don Roberto Traini e Don Giuseppe che che verranno ordinati sacerdoti l’8 dicembre presso la Cattedrale Madonna della Marina.

Come tutti gli anni durante la Messa ci sono stati dei ragazzi che sono rimasti fuori per motivi di spazio e che magari chiacchieravano tra di loro, ma in tanti hanno vissuto realmente la celebrazione, seguendola con attenzione, partecipando ai canti e alla preghiera.

Il Vescovo Gervasio Gestori durante l’omelia ha rivolto agli studenti le seguenti parole: “Questa celebrazione è un momento bello, importante, simpatico, significativo, tradizionale, in questo Santuario Mariano e Francescano.
San Francesco sapeva trascinare dietro di se i giovani di Assisi.
San Francesco a 17 anni incontrò un lebbroso e venne colpito intimamente e capì che devoveva cambiare vita e che non poteva vivere nella distrazione e nel divertimento.
Molti amici e amiche lo seguirono e nacquero così i Francescani e le Clarisse da Santa Chiara.
Anche Papa Francesca ha confessato che viveva così e anche il Papa ha 17 anni ha capito che doveva cambiare vita perchè si sentiva disorientato e fuori strada e a quel punto di convertì.
Il Papa adesso si sente amato da Gesù e guardato da lui.
Dove scatta il passaggio da una vita distratta ad una vita spesa bene?
In classe venite chiamati perchè siete distratti. Sapete qual’è il contrario di distratto? il contrario di distratto è attratto.

Quando il distratto viene attratto allora è affascinato e attento.
Non basta l’attenzione ci vuole l’attrazione.
Vi dovete sentire appassionati. E dovete scegliere bene da chi essere attratti e appassionati, sia tra gli amici che nello sport che nel tempo libero.
Dopo le vacanze è il tempo di impegno e attenzione per costruire la società e un mondo migliore.
Papa Francesco rivolge un appello a tutti i giovani “Non lasciatevi rubare la speranza”.

Ma cos’è la speranza?
La speranza è una virtù, una condizione per cui nessuno te la può rubare. Solo il vuoto interiore te ne può privare.
Su cosa va appoggiata una speranza vera, senza la quale non si vive?Attraverso la fede. Come si mette la benzina nel motorino, così senza fede la vita non va avanti.
Metti fede nella tua vita! Sarai così liberato anche da ansie inutili e futili.
Mettete fede nella vostra vita per sperare, vivere, crescere e gioire. Auguri!”

Alla fine della celebrazione la dirigente scolastica Elisa Vita ha dichiarato “Ringrazio gli alunni e i docenti, per essere qui, perché siamo una comunità che cammina insieme. Ringrazio infatti gli ex studenti dell’Itc che sono qui oggi, gli ex docenti e ciò dimostra che ci si continua a sentirsi parte di qualcosa che si è costruito insieme. Ringrazio il nostro Vescovo per la vicinanza che sempre ci ha dimostrato.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *