Risonanza… Sichem! “Attenti a quei giovani!”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

20130921180442(1)

Di Francesca Addarii

Questo è il primo slogan che sento gridare dentro, sulla strada di ritorno da Sichem, oggi chiamata Montemonaco.
Attenti, nel senso di “abbiate cura di quei giovani”, ma anche “attenti” in quanto i giovani sono creatori di novità, di cambiamento, o perché no, stravolgimento.

Per un weekend, Sichem diventa il luogo dove l’ordinario delle nostre “polverose” realtà parrocchiali si fa, con un semplice soffio, stra-ordinario.

Sono gli “amici del Laboratorio Giovani”*(così si firmano) a convocare, come Giosuè, i giovani rappresentanti  di tutte le tribù della Diocesi, di cui alcune giunte a destinazione, mentre altre, forse, ancora in cammino.
Sono sempre loro a prenderci da “oltre il fiume e farci percorrere” (Gs 24, 3) un piccolo tratto di strada insieme, alla ricerca comune di un cammino di Pastorale Giovanile Diocesana, fatto di approfondimenti e confronti sulla Parola, spiritualità, scambi di vissuti ed esperienze parrocchiali, e convivialità. Una Pastorale Giovanile – da quanto è emerso durante gli incontri – che negli ultimi anni, ha fatto fatica a trovare il modo di “essere cibo” per quei giovani “affamati”, e forse, ha atteso di avere la ricetta più invitante per loro, piuttosto che rischiare di dare un cibo che non sfama.

Perché sfamare i giovani non è semplice: essi chiedono realtà concrete e proiezioni future, proposte nuove ma non preconfezionate, educatori appassionati e non professori della vita, figure decise ma non condottieri, identità forti ma soprattutto vere.

Insomma, i giovani chiedono di “vedere prima con i loro occhi” nei loro genitori, nei loro insegnanti, nei preti ecc… ciò che quegli adulti pretendono da loro: solo così è possibile passare da un instabile “dover” essere ad un autentico “voler” essere.

E Sichem si è rivelato proprio un momento per tastare la “fertilità del terreno”, raccogliendo i primi orientamenti e alcune sollecitazioni in vista di un’instancabile semina e, magari, di un buon raccolto.

A Sichem è stato “tempo della speranza” ma non ancora di mandati, missioni e testimonianze, obiettivi fissati per i prossimi 3 appuntamenti previsti per il prossimo anno.

Una speranza, e anche una scommessa, la nostra, di trasformarci in “grande pietra” (Gs 24, 27), mantenendo quella forza, volontà e determinazione necessari per essere fondamento di Qualcosa di Grande.

Siamo effettivamente pronti per questo?

Solo con il coraggio di “tornare ognuno alle nostre eredità” (Gs 24, 28), e di testimoniare con fermezza il messaggio di Sichem nelle comunità di appartenenza, che potremo anche solo progettare una simile fatica.

E solo essendo “un po’ furbi, un po’ ingenui” ma soprattutto riconoscendo di essere “peccatori al quale Dio ha guardato” (Papa Francesco), che sarà possibile servire sinceramente il Signore: questo il richiamo del vescovo Gervasio, giunto a Sichem nel pomeriggio di domenica, il quale si è rivolto a tutti noi con parole dirette da “cuore a cuore”! 

(*): Don Pierluigi Bartolomei, Don Guido Coccia, Don Luca Rammella, Don Andrea Spinozzi, Don Gianni Capriotti, Don Roberto Traini, Don Giuseppe Giudici, Don Matteo Calvaresi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *