Ripatransone aderisce a “Puliamo il mondo”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Alessandro RicciRIPATRANSONE – Prosegue con grande impegno il lavoro del consigliere delegato all’ambiente, nonché capogruppo del Consiglio Comunale, Alessandro Ricci, in stretta collaborazione con il Comando di Polizia Municipale.

Dopo il primo anno di attività nell’amministrazione la percentuale di aumento della raccolta differenziata è stata pari al 10% ( si è passati dal 54,8% del 2012 al 59,9% del 2013).

Nell’ottica di una sempre maggiore sensibilizzazione dei cittadini al rispetto del proprio territorio, il Comune di Ripatransone ha aderito a “Puliamo il Mondo 2013”, la più grande iniziativa di volontariato ambientale, organizzata in Italia da Legambiente con la collaborazione di ANCI e con i patrocini di Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e di UPI.

L’Isc di Ripatransone ha accolto con entusiasmo la proposta dell’Amministrazione comunale di partecipare all’ iniziativa della Legambiente che consiste in una esplorazione guidata di alcune aree di Ripatransone, durante la quale studenti e volontari si dedicheranno alla pulizia di rifiuti che sono stati abbandonati in alcuni spazi pubblici.

E’ stato individuato l’argine del fiume Tesino come zona da ripulire e, con la partecipazione dei docenti delle classi III della scuola secondaria di primo grado, insieme agli studenti, sabato 28 SETTEMBRE p.v., alle ore 10.00 si svolgerà la manifestazione.

Il Consigliere comunale con delega all’ambiente, Alessandro Ricci, e il Presidente del Consiglio Comunale, con delega all’istruzione, Prof. Diana De Angelis si complimentano con la Dirigente Prof.ssa D’Ignazi e con il corpo docente per aver accettato con entusiasmo e convinzione di aderire all’iniziativa organizzata da Legambiente. «Educare le nuove generazioni al rispetto per l’ambiente» dichiarano i giovani amministratori «è l’unico modo per poter sperare in un futuro più sano e più pulito».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *