Le politiche messe in campo dalla provincia per il lavoro e la formazione professionale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Celani Piunti

PROVINCIA – Il Presidente della Provincia di Ascoli Piceno Piero Celani, con a fianco il Vice Presidente e Assessore alle Politiche Comunitarie Pasqualino Piunti, presso il Centro Locale per la Formazione (CLF) di San Benedetto del Tronto hanno illustrato le molteplici attività realizzate dal 2009 ad oggi nel campo delle politiche attive del lavoro e della formazione professionale.

Progettualità ed iniziative che hanno riguardato ambiti particolarmente significativi per il mondo del lavoro come l’incentivazione all’innovazione delle imprese locali, il sostegno all’occupazione per le categorie svantaggiate, l’orientamento per i percettori di ammortizzatori sociali in deroga, i corsi di formazione per occupati e disoccupati, l’orientamento scolastico.

“Abbiamo investito oltre 22 milioni di euro, di cui 17 milioni e 860 mila del Fondo Sociale Europeo con un tasso di utilizzazione delle risorse comunitarie di oltre il 90%, percentuale di gran lunga superiore ai livelli medi regionali e nazionali – ha evidenziato il Presidente Celani – solo per favorire l’innovazione tecnologica ed organizzativa delle imprese del territorio sono stati messi a bando 4 milioni e 300 mila euro che hanno finanziato 476 progetti, ossia l’87% delle oltre 670 richieste avanzate dal mondo imprenditoriale locale. Abbiamo quindi raccolto in questo modo l’appello accorato delle piccole e medie imprese, offrendo un’opportunità importante grazie alla copertura dei costi di progettazione e di consulenza”.

Gli iscritti dei due centri per l’Impiego della Provincia, al 31 luglio 2013 erano 24.951, di cui 5953 le persone che hanno usufruito di vari servizi tra cui l’orientamento, l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro, l’account direttamente presso le aziende, il bilancio di competenze e altri importanti strumenti di accompagnamento o consulenza al lavoro.

Numeri consistenti hanno anche riguardato la formazione professionale con il finanziamento, per oltre 2 milioni 200 mila euro, di 66 corsi in comparti molto richiesti dal mercato, quali accoglienza turistica, assistente familiare, ristorazione, somministrazione di cibi e bevande, informatica, lingua. Per non parlare di iniziative formative innovative come i corsi per operatori nelle navi da crociera, guide naturalistiche e pet therapy.

Sono stati, infine, illustrati i progetti Yourope, Improve e Green Ap che hanno visto coinvolti centinaia di giovani per esperienze di studio e di lavoro all’estero, con un investimento complessivo di 700 mila euro. Prossimo step quindi sarà il Prestito d’onore Piceno per finanziare le idee imprenditoriali di chi vuole mettersi in gioco con i suoi talenti, creatività e capacità innovativa, iniziativa che verrà presentata nelle prossime settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *