La crisi economica è superabile, basta sfruttare le tecnologie, le competenze e l’ingegno

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
(aidagroup.it)
(aidagroup.it)

Credere nelle proprie idee e sfruttare il momento a proprio vantaggio. Questi i semplici ma efficaci consigli che possono dare una svolta ad un’attività commerciale. La crisi attanaglia ormai l’Italia da molti anni e sono all’ordine del giorno le notizie di chiusure di stabilimenti, licenziamenti e quant’altro. Uno dei punti di forza dell’economia italiana è da sempre il comparto tessile. Il brand Made in Italy è un marchio di garanzia sinonimo di qualità e ricercato in tutto il mondo. Eppure, come il resto, la crisi sta strangolando anche questo settore e mai come oggi chi si ferma è perduto.

I dati elaborati dal Centro studi di Sistema moda Italia sono preoccupanti. Nel 2012 la tessitura italiana ha registrato un fatturato prossimo agli 8 miliardi di euro ben il 4,6% in meno rispetto ad un anno fa. Ad andare in segno negativo tutti i micro settori, con eccezione della tessitura serica che ha registrato un aumento del fatturato del +4,3% grazie al sostegno della domanda estera. Gli altri comparti, invece, hanno sperimentato tassi di decrescita importanti: la tessitura laniera perde -1,5%; la tessitura a maglia -6,2%; la tessitura cotoniera e liniera hanno riscontrato decrementi rispettivamente del -11,6% e -15,1%.

Ma nulla è perduto. Basta aguzzare l’ingegno, rimboccarsi le maniche e credere nelle proprie idee. Questo quello che hanno voluto spiegare presso il Salone italiano del tessile organizzato da Milano Unica. «La crisi è un rallentamento dello sviluppo economico, – ha spiegato Pietro Sella amministratore delegato del gruppo Banca Sella – nasce dallo scoppio della bolla dei debiti. Questa situazione ci sta impedendo di vedere quanto straordinario sia questo momento. Un momento di discontinuità come durante le rivoluzioni industriali». A pensarci bene, infatti, le scoperte scientifiche e il progresso mutano lo scenario di giorno in giorno e le opportunità sono infinite. Basti pensare che si stima che fra dieci anni sul pianeta ci saranno 1,2 miliardi di persone in più; si hanno tecnologie avanzate e robotica che ci permettono di sperimentare nuove tecniche a basso impatto di lavorazione; la globalizzazione permette anche ad una piccola azienda di vendere i propri prodotti al mondo intero. «A fine ‘700 un biellese (avo dell’amministratore Sella che parla quindi con cognizione di causa, ndr.) andò fino a Manchester per vedere come, grazie all’avvento dell’elettricità e dei telai meccanici, lavoravano la maglia. – ha proseguito Pietro Sella – Dopo un anno comprò un telaio meccanico in Belgio e rientrò a Biella. Avviò la produzione. Si lavorava anche 18 ore al giorno a salari bassi ed erano impiegati anche i bambini, come nell’immaginario comune si pensa facciano i cinesi ora. Poi sperimentò, innovò scoprirono come far aderire il colore sul filo e in pochi anni rubarono il business agli inglesi».

Il mondo d’oggi parla la lingua del digitale, di internet, dell’e-commerce. «Siamo convinti che i modelli di business dei nostri clienti stanno mutando con grande velocità. -ha spiegato Silvio Albini presidente di Milano Unica – Noi dobbiamo seguire e capire ciò che sta avvenendo. L’economia digitale sta rivoluzionando il settore». C’è bisogno di investire in chi ha competenze, i giovani, che sono nati nell’era digitale e possono spogliarsi dei vecchi pregiudizi legati all’economia online. «Nel 2012 c’è un -2% negli acquisti rispetto al 2011 – asserisce Alberto Bordiga direttore generale Easy NOLO gruppo Banca Sella – ma gli acquisti online crescono del 19%. L’economia digitale è il 14% della crescita, in 15 anni ha creato 700 mila posti di lavoro e soprattutto chi usa il digitale fa più utile ed esporta di più. L’e-commerce nell’abbigliamento è passato dal 3% del 2007 al 19% nel 2013. L’acquisizione del digitale permetterebbe 43 miliardi di risparmio di spesa pubblica. Duemila euro di spesa annua a famiglia risparmiati».

Una provocazione? Basti pensare ad un’azienda leader assoluta del mercato come la Kodak. Fino ai primi anni 2000 aveva in mano un impero legato alla pellicola fotografica e ha sfruttato quel ramo senza guardare al futuro. Oggi vengono caricate sui social network qualcosa come 150 milioni di foto al giorno ma un’infinitesima percentuale ha il marchio statunitense sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *