Bellezza, bontà e capacità, tre parole per Juttenizie 2013.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – La bellezza del Vecchio Incasato di Grottammare, uno dei Borghi più belli d’Italia, la bontà dei prodotti enogastronomici e delle specialità offerte dai locali e la capacità degli stessi di mettersi in rete, in una delle manifestazioni più belle e originali dell’estate grottammarese.

Queste tre parole si fondono con Juttenizie – Ghiottonerie nel Borgo, che animerà il vecchio incasato grottammarese nelle serate del 1, dell’8 e del 15 settembre.

La manifestazione è organizzata dell’Associazione Paese Alto Grottammare, comprendente tutte le strutture ristorative della zona, con il patrocinio del Comune, della Provincia di Ascoli Piceno, della Regione Marche e dalla presidenza del Consiglio Regionale ed il contributo della BCC (Banca Credito Cooperativo) di Ripatransone.

Jutténizie consiste in un itinerario enogastronomico tra i ristoranti e le bellezze del Paese alto, dall’aperitivo al dolce, passando per antipasti, primi e secondi. Ogni ristorante offrirà una specialità o un piatto figli del nostro territorio, abbinati a pregiati vini di premiate cantine marchigiane ed abruzzesi e alle “fasi” del pasto. Si partirà con il fritto, seguiti da salumi e formaggi per arrivare agli onnipresenti Maccheroncini di Campofilone e ai secondi, rappresentati dall’arrosto di maiale con verdure al forno e dagli spiedini di pollo fritti all’anice verde di Castignano. 

Per partecipare a Jutténizie – Ghiottonerie nel Borgo, basta recarsi dalle ore 18 nel ghiotto point di Via Palmaroli, per ritirare il coupon di 22 euro (prezzo molto contenuto confrontando la media di tutti i locali, ndr.) che comprende 7 tappe nei 7 ristoranti del vecchio incasato, con una degustazione di vino per ogni portata. È possibile effettuare la prevendita infrasettimanale presso la vineriaM481. Dal Ghiotto point i partecipanti alla kermesse iniziano la loro cena itinerante muniti di bicchiere con custodia a tracolla.

Serpeggiando per il borgo si degusterà anche il meglio dei genius loci artistici, in particolare i dipinti sul paese alto dell’artista Tiziana Marchionni, reduce dall’esperienza al Festival Listz 2013, oltre alla danza della Jeune Etoile (il 1 settembre, con una milonga da non perdere) e alla musica della Mus.e (8 settembre) e della Band The Shouts (15 settembre), che trasformeranno Grottammare alta in culture submarine abbracciante secoli e secoli di storia.

Alla conferenza stampa, svoltasi nella mattinata del 27 agosto hanno partecipato l’Assessore al commercio Lorenzo Rossi, in sostituzione del Sindaco, che ha manifestato l’originalità e l’importanza della manifestazione, che potrebbe rappresentare la grande sorpresa del ricco carnet estivo di eventi grottammaresi.

Un’idea neonata, figlia dell’ispirazione di tre giovani: Massimo d’Ercole, Flavio Travaglini e Michela Galieni, organizzatrice delle manifestazioni di Monteprandone e della recente Ragnoliade. La Galieni ha partecipato alla conferenza segnalando come questa manifestazione rappresenta un sinonimo di qualità e di rete.

Rete e qualità, un binomio importante per rendere il turismo e il suo marketing, competitivi a livello internazionale. Appuntamento alle 18 del 1 settembre a Grottammare Alta

One thought on “Bellezza, bontà e capacità, tre parole per Juttenizie 2013.

  • 28 agosto 2013 at 08:24
    Permalink

    Una nota che mi è giunta dagli organizzatori: la prevendta INFRASETTIMANALE è effettuata presso il ristorante M481 di Via Santa Lucia, mentre i giorni dell’evento la vendita del coupon si effettua presso il Ghiotto point in via Palmaroli. Uno degli ideatori è Massimo d’Ercole, non D’Ercoli

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *