La festa della pace ha contagiato la Rambla

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Daniele Rocchi

C’è chi giura di non averla mai vista così colorata, festosa, sorridente e soprattutto serena. I negozianti, i venditori di souvenir, i camerieri dei tanti bar e piccoli ristoranti dislocati lungo il percorso sono certi: la Rambla, il famoso viale di Barcellona che collega Plaça de Catalunya con il Port Veil (porto vecchio), non è mai apparso così bello. A renderla tale sono stati i mille partecipanti al pellegrinaggio Unitalsi “Bambini in missione di pace”, tra i quali 160 piccoli disabili, che ieri l’hanno letteralmente invasa per lanciare un messaggio di pace al mondo.
Che qualcosa di particolare stesse per accadere gli abitanti della capitale catalana, e i turisti che in questo periodo estivo l’hanno scelta come meta di visita e di vacanza, lo avevano capito già mercoledì 10 luglio, quando questa marea di magliette blu e gialle e di cappellini colorati a forma di Pappagallo si era fatta vedere in giro per la città, in modo discreto, quasi in perlustrazione per studiarne i luoghi, le strade e le persone. Insomma, per preparare l’invasione di ieri.

Invasione è stata. Pacifica, festante, colorata, simpaticamente rumorosa, un’invasione impossibile da non vedere o da sottovalutare. Partito dal cuore della città, Plaça Catalunya, la più centrale e importante di Barcellona, il corteo si è snodato lungo la Rambla, guidato da un carro con Papparcobaleno, la mascotte del pellegrinaggio, dietro trampolieri e giocolieri. A seguire, un bandierone della pace lungo 150 metri tenuto da centinaia di bambini, disabili e non, che lo agitavano ritmando slogan e canti. Nemmeno la pioggia ha fermato questi “ambasciatori di pace” armati solo di sorrisi contagiosi che lanciavano ai turisti e alle persone che si fermavano curiose a guardarli ammirati. Al passaggio del corteo molti scattavano foto, altri battevano le mani, qualcuno si asciugava lacrime di commozione e c’è stato anche chi si è accodato. Sono volati anche palloncini lungo la Rambla, gli stessi che i bambini avevano lanciato da Parc Guell, la sera prima, con le preghiere per gli amici, i genitori, per i loro coetanei meno fortunati sparsi nel mondo e vittime di guerre e ingiustizie.

La Rambla, un sentiero di pace. Mille bambini coraggiosi tenuti per mano dai loro genitori, dai volontari, spinti sulle loro carrozzelle, sotto la pioggia hanno ricordato a tutti che si possono costruire relazioni di pace, superare barriere, diversità ed ostacoli. Hanno testimoniato e gridato di gioia questi bambini: Katiuscia, costretta sulla sua carrozzina; Loris, tenuto per mano da sua madre; Luca, amante dei colori; Annalisa, con le sue treccine colorate, aiutata dal fratellino sotto lo sguardo vigile della mamma, e tanti altri piccoli testimoni credibili sulle strade di Barcellona. Lo avevano già fatto nei pellegrinaggi precedenti a Gerusalemme, a Roma, a Parigi e lo faranno di nuovo nel 2015 a Praga, prossima meta dei “Bambini in missione di pace”.

A loro è giunto il ringraziamento della Chiesa. Prima con il saluto dell’arcivescovo di Barcellona, il cardinale Lluís Martínez Sistach e poi con il messaggio del cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace. Dal palco situato sulla Plaça de la Pau, terminale naturale della Rambla, è risuonato l’appello del presidente del dicastero vaticano: “Siate missionari di pace, non abbiate paura di andare contro corrente e non dimenticate – specialmente in questo Anno della Fede – tutti quei piccoli che devono lottare contro le avversità della vita”. E poi ancora festa e musica, con Marco Carta, sotto la conduzione di Paolo Bonolis, che non si è sottratto per nulla all’abbraccio dei piccoli. Anzi. E non poteva mancare alla festa un momento calcistico, dato dalla presenza di Pilar Guinovart i Masip membro della Giunta direttiva della squadra di calcio del Barcellona che ha donato all’Unitalsi una maglia blaugrana con le firme di tutti i suoi giocatori. Un gesto molto apprezzato dai bambini che poi hanno continuato a cantare e ballare fino a tarda sera, quando saliti sui bus, si sono diretti verso la nave che oggi li riporterà a casa. “La missione non finisce qui – è stato il congedo del presidente nazionale dell’Unitalsi, Salvatore Pagliuca – ma continua domani, a casa, a scuola, nei nostri ambienti di vita, nei gruppi. Oggi abbiamo invaso Barcellona, il nostro annuncio non deve fermarsi. Continuiamo ad essere messaggeri di pace”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *