Quinto Stile, a Cupra Marittima è tripudio di arte e amicizia

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA – Musica, pittura, fotografia, disegno, scultura, canto sono le arti che a Cupra Marittima hanno trovato spazio in una grande mostra, che definire semplice esposizione sarebbe però riduttivo. Si tratta di “Desiderio e Fuga tra Verdi e Wagner”, si svolge presso la sala Polivalente di lungomare Romita, è stata inaugurata durante la serata di martedì 2 luglio e proseguirà fino a martedì 9 luglio rimanendo aperta al pubblico tutti i giorni dalle ore 17.00 fino a mezzanotte. L’evento è organizzato dall’associazione culturale Arca dei Folli in collaborazione con il Comune e la Pro Loco ed è incentrato sul Quinto Stile, ovvero il nuovo modo di concepire l’arte promosso dall’esperto d’arte Daniele Radini Tedeschi in cui tutti sono artisti e il critico d’arte non ha valore. Una vera e propria festa l’inaugurazione della mostra alla quale hanno partecipato non solo gli ideatori ovvero il poeta Danilo Tomassetti, le pittrici Annunzia Fumagalli e Antonella Spinelli, lo scultore Danilo Tomassetti, Radini Tedeschi, ma anche Ettore Nova e Ambra Vespasiani del Rolf che, accompagnati al pianoforte da Davide Martelli hanno cantato dei brani dedicati appunto a Verdi e Wagner deliziando i presenti.  La mostra è un’esplosione di arte, colori e sensazioni che rapiscono il visitatore. Ci sono diverse sezioni: una è dedicata alla storia del Rolf, Ripatransone Opera Leonis Festival, una a “Desiderio e fuga”  rappresentati dalla carnalità femminile e a tante sensazioni proprie dell’animo umano espresse da diversi artisti, una è dedicata allo scultore Sergio Tapia Radic con opere sulla spiritualità, e una parte dedicata alle opere dei giovanissimi artisti provenienti dal concorso Bambino Creativo. Ma tante altre sono le opere da ammirare, come tanti sono gli eventi che animeranno la settimana. Ha affermato Danilo Tomassetti: «La parola la lascio alla vostra interpretazione. La mostra è ricca di tanti elementi dedicati a diversi ambiti artistici, spiegarla sarebbe riduttivo, c’è solo da gustarla con gli occhi e con la mente».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *