Domenica tutti a Montemonaco alla ricerca delle erbe di montagna

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEMONACO – Ad oltre 860 metri d’altura, nella splendida frazione di Vallegrascia (Montemonaco) si terrà domenica 30 giugno un’interessante sezione del Festival dell’Appennino dedicata alla ricerca delle erbe spontanee sotto la guida degli esperti dell’Associazione “Gigaro 88”. Un appuntamento tutto da vivere e scoprire che certamente sarà una preziosa occasione per saperne di più sulle caratteristiche naturali della flora di montagna, approfondendo qualità e utilizzo di particolari tipologie tra cui le erbe mediche e quelle da tavola.

Con ritrovo alle 9.30 e partenza subito dopo, il gruppo si inoltrerà lungo un sentiero immerso nel verde e costellato da tante specie di erbe che saranno poi illustrate nei dettagli dal prof. Lorenzo Di Camillo, docente di “Scienze, Botanica, Patologia e Entomologia” all’Istituto Tecnico “Celso Ulpiani” di Ascoli. Alla tavola rotonda prenderanno parte anche l’Assessore alla Cultura e Ambiente Andrea Maria Antonini e il prof. Mario Polia, figura di riferimento per il Festival in qualità di studioso, antropologo e ricercatore.

Al termine della passeggiata, si terrà dopo la pausa pranzo presso un punto ristoro nel paese, il concerto della “Banda Liberatori” che eseguirà brani ispirati all’“Appennino Canta”. Evento promosso in collaborazione con la Pro Loco di Montemonaco e il Comitato di Festeggiamenti di Vallegrascia.

“Un’altra giornata da vivere all’aria aperta alla scoperta di erbe e magnifiche essenze di montagna – dichiara l’Assessore Antonini – un appuntamento che potrà richiamare tantissimi appassionati oltre che famiglie, bambini e adulti che saranno rapiti non solo dalla bellezza della natura vissuta in una piacevole e rilassante camminata nel verde, ma anche dai contributi e dalle spiegazioni scientifiche a cura degli amici dell’Associazione Gigaro 88 che rappresenta un importante osservatorio a tutela delle risorse ambientali e culturali del nostro territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *