Il vicepresidente Canzian incontra il segretario nazionale delle Acli, Gianni Bottalico

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – Un incontro cordiale e un confronto sui principali temi che minano la coesione sociale della comunità regionale.
È la sintesi del colloquio tra il vice presidente della Giunta regionale, Antonio Canzian, e il presidente nazionale delle Acli, Gianni Bottalico, ricevuto oggi a Palazzo Leopardi. Bottalico sta visitando le Marche per incontrare i vescovi e i dirigenti della strutture di base dell’associazione, nel contesto della difficile situazione economica che sta colpendo anche la nostra regione. Il vicepresidente ha focalizzato l’attenzione sulla crisi del sistema produttivo e sul dramma degli ammortizzatori sociali in esaurimento. Ha richiamato la necessità di riscostruire il tessuto sociale per salvaguardare la coesione della comunità marchigiana e l’impegno della Regione Marche per contrastare gli effetti della crisi che si stanno evidenziando nella loro gravità.
“Le scelte operate dal governo regionale, come quella di promuovere la macroregione adriatico ionica – ha detto Canzian – rappresentano un’intuizione perché consentono di puntare sulle risorse europee, le uniche oggi disponibili e alle quali è possibile accedere solo dimostrando una grande capacità progettuale. Anche il riordino della rete ospedaliera, oltre a garantire una maggiore appropriatezza delle prestazioni e dei servizi, mira a liberare risorse per recuperare la necessaria operatività economica che l’attuale situazione richiede, allo scopo di contrastare gli effetti, anche sociali, della crisi in atto”.
Il presidente Bottalico ha anticipato che, alla chiusura della campagna fiscale, le Acli presenteranno uno studio nazionale che fotografa la situazione del Paese sulla base del reddito delle famiglie. I dati saranno disponibili su ambito territoriale e potranno rappresentare un utile supporto a disposizione delle istituzioni e del governo nazionale per orientare scelte e ricercare soluzioni ai problemi in atto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *