Chi è Pasquino?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Pubblichiamo una nuova lettera di Pasquino, clicca qui per leggere la sua prima lettera.

“Mi hanno detto dalla redazione che in molti hanno chiesto chi fosse Pasquino.
Forse si può dire che c’è un “incattivimento” dato dal fatto che non siamo più abituati a confrontarci e a discutere serenamente.
Ogni volta che viene fatta una riflessione si pensa a dietrologie e dove si voglia arrivare.
Il fatto non è, chi è Pasquino, quale penna scriva le parole, ma se ciò che dice è condivisibile oppure no.

Il giornale mi ha offerto la possibilità di riflettere ad alta voce, di aprire un dialogo, di crescere insieme agli altri lettori.
Anche di farmi dire attraverso i commenti che la mia riflessione era sbagliata.

Però, come spesso accade si preferisce fare il “chiacchiericcio”, cercare i motivi per cui io abbia scritto, vederlo come un pericolo, invece di guardare i possibili problemi che ho cercato di affrontare e si finisce per distogliere l’attenzione dal problema.

Forse umanamente siamo anche portati a cercare di scoprire chi sono per trovare dei pregiudizi verso chi scrive queste riflessioni.
I motivi che mi hanno portato a rimanere nell’anonimato potreste anche non condividerli, però Pasquino è come il dito che indica la luna: invece di guardare la luna, tante volte ci fermiamo a guardare e a interrogarci sul dito.
Certo, potrà essere snello e longilineo o tozzo e peloso, però, è, e sempre sarà, solo un dito.
Ad majora!”

One thought on “Chi è Pasquino?

  • 20 giugno 2013 at 21:11
    Permalink

    Caro Pasquino,
    il nome a cui ti rifai è l’emblema della satira contro il potere. La satira che aiuta a pensare, perché punge senza essere banale. Tu invece ti servi di un organo ufficiale di stampa diocesano, che rappresenta un “potere”. Non fai satira, e scrivi generiche considerazioni banali e scontate, che aiutano ad allargare prospettiva come un dito, appunto, ma in un occhio. Pertanto cambia nome, oppure registro. E soprattutto non usare il “potere” degli altri per propinarci la debolezza delle tue idee.
    Ovviamente questo è un mio parere personale, che finirà tra i commenti che dopo poco, qui, non si riescono a leggere.
    Alla Redazione, i miei complimenti! Ottimo servizio alla Chiesa diocesana.
    ddino

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *