Trofeo “I love Manuel”, vince la solidarietà‏

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEPRANDONE– Il divertimento, ma soprattutto la solidarietà sono stati i protagonisti del Trofeo di Calcio a 5 “I Love Manuel”, organizzato dall’Associazione Stampa Rossoblu che si è svolto nel pomeriggio di sabato 8 giugno al palazzetto dello sport di Monteprandone e finalizzato a vivere una giornata di sport raccogliendo fondi per il piccolo Manuel affetto dalla patologia rara SMA1 che li utilizzerà in collaborazione con l’Associazione ‘Smaisoli’ per dare un contributo concreto a chi vive la malattia come loro.

Hanno partecipato l’ASD Montegranarese C5, l’USA Torrese, il Porto San Giorgio C5, la Tecno Riviera delle Palme C5 ed una rappresentativa della Sambenedettese calcio che ha annoverato calciatori del passato ma anche del presente. Il Trofeo è stato vinto dal Porto San Giorgio che milita in Serie B di calcio a 5 e che nella sfida contro i rossoblu è riuscito a vincere con il punteggio di 4-3.

Ha partecipato all’evento anche la Ginnastica Mamoti che ha allietato con le sue esibizioni gli intervalli tra una gara e l’altra. Padrone di casa è stato l’assessore allo sport del Comune di Monteprandone Sergio Loggi che ha espresso la sua soddisfazione per la scelta proprio di Monteprandone per questa manifestazione.

Soddisfazione con un pizzico di commozione anche per Mirko, papà di Manuel, che ha potuto ringraziare a nome della sua famiglia, ma anche di tutte le famiglie dei bambini che si trovano nella stessa situazione di Manuel, tutti i presenti che hanno contribuito a dare vita alla manifestazione in campo e dagli spalti.

Un ringraziamento agli sponsor che hanno sposato questa iniziativa: Terzo Tempo, Calzaturificio Elisabet di Monte Urano, Faip Group di Grottazzolina, Le Gall di Porto San Giorgio ed il presidente della Tecno Riviera delle Palme, Arcangelo Grossi, per la fornitura delle targhe ricordo e per aver favorito il contatto con l’Amministrazione comunale del Comune di Monteprandone. Un grazie anche alla Croce Verde per il servizio svolto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *