Fondo regionale di ingegneria finanziaria

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – E’ stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche del 30 maggio scorso l’Avviso pubblico per l’accesso a finanziamenti agevolati per le imprese del comparto culturale della Regione Marche a valere sul Fondo regionale di ingegneria finanziaria alimentato con risorse del POR FESR Marche 2007/2013. Dal 31 di maggio è possibile inoltrare le richieste di agevolazione attraverso il sito del MedioCredito Centrale che è gestore dell’operazione.

Il Fondo rappresenta una iniziativa particolarmente innovativa sia per la tipologia di imprese a cui si rivolge che per la forte sinergia rispetto al programma regionale di sviluppo del Distretto Culturale Evoluto recentemente avviato dalla Regione Marche.

Con una dotazione di circa 2 milioni di euro, il Fondo è stato infatti progettato per finanziare sia operazioni di sviluppo che operazioni di riequilibrio delle aziende appartenenti alla famiglia dei codici ATECO della cultura e della creatività, selezionate anche sulla base delle rilevazioni effettuate da Symbola in collaborazione con Unioncamere nell’ambito del Rapporto annuale 2012.

Possono accedere al Fondo per entrambe le tipologie di attività le aziende con codici ATECO indicati nell’Avviso, mentre l’accesso può avvenire senza limitazioni, ma per le sole operazioni di sviluppo, a condizione che le aziende richiedenti facciano parte di gruppi di partenariato di progetti di interesse regionale presentati a valere sull’avviso pubblico del Distretto Culturale Evoluto.

Le aziende potranno ottenere finanziamenti agevolati da un minimo di 50.000,00 ad un massimo di 150.000,00 euro al tasso agevolato dell’1%. La durata di ammortamento del finanziamento sarà di 60 mesi, oltre ad un periodo di preammortamento tecnico.

‘L’iniziativa è stata concepita in stretta complementarietà con l’avvio del programma regionale per il Distretto Culturale Evoluto’ spiega l’Assessore alla Cultura Pietro Marcolini ‘per consentire alle aziende partecipanti una maggiore accessibilità al credito. Il programma per il Distretto Culturale Evoluto andrà a sostenere progetti a carattere intersettoriale di innovazione tecnologica, caratterizzati da un forte contenuto di  creatività, capaci di auto sostenersi nel tempo e innescare economie locali. In questa fase di crisi e di difficoltà di accesso alle risorse ci è sembrato determinante introdurre uno strumento di supporto al programma. L’iniziativa è nata di concerto con il settore dell’Industria, con il quale sono ormai numerose le azioni comuni finalizzate  a dare spinta ad una platea di aziende innovative che fanno della cultura e della creatività il loro principale fattore competitivo’.

‘La individuazione di misure specifiche rivolte alle imprese della cultura e della creatività’ aggiunge l’Assessore Sara Giannini  ‘apre un ambito di sperimentazione interessante, e l’avvio del Fondo,  insieme ad altri interventi quali  il sostegno alla digitalizzazione delle emittenti televisive e delle sale cinematografiche, contribuisce a creare un set di strumenti utili allo sviluppo di un segmento produttivo importante per le Marche, come la stessa ricerca della Fondazione Symbola ha dimostrato nel  Rapporto 2012. Anche in un recente bando per il sostegno alle PMI di produzione del Made in Italy si è voluto attribuire un valore premiale a quelle aziende che nello sviluppo di prodotto o nelle politiche di marketing si avvalgono della collaborazione di enti culturali’.

Il bando è accessibile sui siti regionali www.cultura.marche.itwww.europa.marche.it ewww.regione.marche.it. Sul sito di MedioCredito Centrale http://www.incentivi.mcc.it/incentivi_regionali/marche/marche.html è disponibile la modulistica per presentare richiesta di agevolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *