Chiusura corsi Giardiniere e Euro progettista

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PROVINCIA – Nel ricco ventaglio formativo proposto dalla Provincia, grazie a fondi comunitari FSE, si segnala la conclusione di altri due importanti corsi, completamente gratuiti, organizzati dal Centro Locale di Formazione di San Benedetto: “Euro progettista” e “Giardiniere”.

Si tratta di due percorsi che hanno inteso preparare figure professionali richieste dal mercato e in possesso di determinate competenze tecniche e pratiche. A supporto della formazione degli allievi anche un periodo di apprendimento sul campo che ha permesso loro di entrare in contatto con settori lavorativi con possibili sbocchi occupazionali.

“La Provincia – ha sottolineato il Presidente Piero Celani – dopo aver effettuato una dettagliata azione di scouting sul mercato interno, in ascolto alle istanze e alle richieste professionali più diffuse, ha avviato una vasta programmazione che, dati alla mano, sta producendo i primi significativi frutti come testimonia l’interesse suscitato dai due corsi appena conclusi”.

“Con le tre prove finali, gli aspiranti giardinieri hanno concluso con successo un iter di formazione complesso e ben strutturato svoltosi sotto la guida della coordinatrice dott.ssa Martella, vivendo momenti importanti come lo stage all’interno di aziende florovivaiste e della manutenzione di aree verdi – ha ricordato il responsabile del CLF di via Mare dott. Alessandro D’Ignazi – stesso discorso anche per i neo euro-progettisti che, dopo aver acquisito in aula una preparazione teorica su progetti, interventi e finanziamenti comunitari inerenti diversi settori tra cui turismo, cultura, ambiente, agricoltura, commercio, ecc, si sono poi distinti particolarmente nella elaborazione di contributi scientifici molto apprezzati da imprenditori e operatori presenti al convegno sul futuro dei fondi europei tenutosi lo scorso mese a San Benedetto e organizzato con abilità dagli stessi allievi in sinergia con la Provincia e l’Ente formatore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *