La Regione presenta i bandi per il sostegno al commercio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO– Si è tenuta nel pomeriggio di giovedì 23 maggio in sala consiliare una riunione promossa dall’assessorato alle attività produttive del Comune di San Benedetto per illustrare ai rappresentanti delle associazioni dei commercianti della città le opportunità offerte dai provvedimenti chela Regione Marche ha già emanato o sta per emanare a sostegno del commercio al dettaglio.

Alla riunione, insieme all’assessore Fabio Urbinati e al presidente della competente commissione consiliare Pierfrancesco Morganti, sono intervenuti l’assessore regionale Antonio Canzian e il dirigente regionale Pietro Talarico.

L’attenzione è stata posta in particolare sul bando, in scadenza il prossimo 31 maggio, per gli interventi finanziari alle piccole e medie imprese commerciali previsti dalla legge regionale n. 27/2009 e sui bandi di prossima emanazione per la concessione di contributi per l’abbattimento delle barriere architettoniche e per l’erogazione di finanziamenti in conto interessi finalizzati alla riqualificazione delle aziende commerciali.

“Voglio rivolgere un sentito ringraziamento all’assessore Canzian per aver accettato il nostro invito a tenere una riunione specifica per il territorio di San Benedetto – ha commentato l’assessore comunale Urbinati – l’incontro è stato molto utile perché le piccole attività hanno ora a disposizione una serie di opportunità che, se sfruttate, possono essere molto utili in un periodo di grande difficoltà come quello che si sta vivendo. Per i contributi per l’abbattimento delle barriere – aggiunge Urbinati – ci hanno detto che sarà riferito anche a lavori già eseguiti con retroattività al 1° gennaio 2012. Una disposizione che potrà essere utilizzata da tutti quegli esercizi che, in questi anni, anche su nostra indicazione, si sono messe in regola investendo somme consistenti come i pubblici esercizi che hanno dovuto adeguare i loro servizi igienici per ottenere le occupazioni di suolo pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *