“Fare nostro il sogno di Dio”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ROMA – Inizia con un fuori programma, che è tutto un programma, il primo incontro di Papa Francesco con i vescovi italiani.
È il primo discorso all’Assemblea generale della Cei, riunita in questi giorni in Vaticano per l’appuntamento più importante dell’anno.
Papa Francesco ha appena ricevuto il saluto del cardinale Angelo Bagnasco, a nome di tutti i suoi confratelli , disposti a semicerchio attorno all’Altare della Cattedra, dove solo pochi minuti dopo si siederà il 265° successore di Pietro.
Ma ora, Papa Francesco è in piedi, parla rivolgendosi a colui che l’ha preceduto.
Sembra avere fretta di dire queste parole, pronunciate con il sorriso, quasi dimenticandosi di dover utilizzare il microfono.
L’impressione, per chi guarda, è di assistere ad una scena di famiglia. E la prima cosa che dice, a braccio, è un grazie: “Ringrazio per questo saluto”. Ma poi, come è nello stile del Papa, c’è subito l’empatia, il riferimento alla vita concreta, al ritmo intenso di queste giornate, e non solo:
“Sono sicuro che il lavoro è stato forte. Avete tanti compiti, la Chiesa ha tanti compiti”. E la frase chiave: “Il dialogo con le istituzioni sociali, culturali e politiche è compito vostro, e non è facile”.
Quasi a marcare un confine, e ad introdurre gradualmente i vescovi a quello che dirà dopo, nella sua omelia in forma di meditazione. Lo ripete: “Andate avanti con fratellanza. Il dialogo culturale, sociale e politico è cosa vostra. Avanti!”. Inizia la celebrazione della “professio fidei”. Per i vescovi, come per tutti i pellegrini che raggiungono Roma durante questo speciale “Anno della fede”, acquista un sapore e uno spessore particolari.

Vescovo come voi. Alle 18, puntuale, il Papa entra nella basilica vaticana, gremita non solo di cardinali, vescovi e sacerdoti, ma anche dei circa 200 rappresentanti delle organizzazioni aderenti alla Cnal (Consulta nazionale delle aggregazioni laicali), dei dipendenti della Cei e del Vicariato con le loro famiglie. L’atmosfera è di serena attesa: i posti a sedere sono tutti pieni, e ci sono anche molti fedeli assiepati lungo le transenne di legno che percorrono la navata centrale. “Risveglia in noi uno spirto vigilante”, la preghiera del Papa prima delle letture. Ed è con l’accenno alle letture che il Papa, circa mezz’ora dopo il suo ingresso, regala ai fedeli il suo secondo fuori testo: “Le letture bibliche che abbiamo sentito mi fanno riflettere, a me hanno fatto riflettere molto. Ho fatto come una meditazione per noi, ma prima per me, vescovo come voi, e la condivido con noi”. La semplicità di Francesco, la voglia di condividere: senza questa introduzione a braccio, che corrisponde perfettamente al parere più frequente che i fedeli danno di Francesco – “è uno di noi” – non si comprenderebbe appieno quello che viene dopo.

L’unica questione. Il luogo, prima di tutto il luogo: non solo la tomba di Pietro, ma “la memoria viva della sua testimonianza di fede”. La gioia di ritrovarsi qui per questo primo incontro, con i suoi fratelli. L’altare della Confessione come il “nostro” lago di Tiberiade, lo “stupendo dialogo tra Pietro e Gesù”, che “deve risuonare anche nel nostro cuore di vescovi”. E poi quella doppia domanda, che Papa Francesco – con un tono commosso e quasi sussurrato, che caratterizzerà tutta la meditazione, dove anche le pause di silenzio riportano ad un testo che prima di essere scritto è stato cesellato dalla preghiera – ripete per tre volte, con Giovanni: “Mi ami tu? Mi sei amico?”. “Domanda rivolta a me – dice il Papa con un’ aggiunta al testo – rivolta a ciascuno di noi, a tutti noi”. È questa l’unica questione “davvero essenziale”, la “cartina di tornasole” del ministero episcopale. “Vivere di Lui è la misura del nostro servizio ecclesiale”.

La mancata vigilanza. Le conseguenze dell’amore, che è “dare tutto”, sono impegnative. È l’appello del Papa, che nella parte culminante della sua meditazione usa un verbo-chiave del suo vocabolario: “edificare”, come essenza dell’autorità, “non siamo espressione di una struttura”. La “mancata vigilanza” come madre di tutti i mali, che può trasformare il pastore in un “funzionario” o in un “chierico di stato”. Fino ad arrivare a “rinnegare il Signore, anche se formalmente ci si presenta e si parla a suo nome”. “Si offusca la santità della Chiesa gerarchica, rendendola meno feconda”. Parole forti, ma pronunciate con dolcezza e rispetto. Parole che vengono non dal pulpito, ma dalla trasparenza della testimonianza. E la gente che ascolta lo sente, lo percepisce, resta in un silenzio pieno di raccoglimento. A tratti di commozione.

Fare nostro il sogno di Dio. C’è il Nemico, il Diavolo, il Papa lo scrive con le lettere maiuscole. Ma il Signore non vuole questo da noi: è il Buon Pastore, ha la tenerezza del Padre, solo lui può farci passare “dalla disgregazione della vergogna al tessuto della fiducia”. “Tu sai che ti voglio bene”, le parole di Pietro a Gesù che il Papa invita a fare nostre. Inserendo un altro fuori testo: “sono sicuro che tutti noi possiamo dirlo”. La missione è impegnativa: “siamo chiamati a fare nostro il sogno di Dio”, ma la strada da seguire, per i vescovi, è molto chiara, e il Papa la indica sviluppando l’invito ai sacerdoti ad essere pastori che odorano delle pecore. Camminare davanti, ma anche in mezzo e dietro al gregge, è la “ricetta” del Papa, che ai vescovi raccomanda prima di tutto i sacerdoti: “Loro sono i primi fedeli che abbiamo noi vescovi – dice a braccio – amiamoli di cuore, sono i nostri figli e i nostri fratelli”.

“Grazie per il vostro amore alla Chiesa”. Alla fine della meditazione, Papa Francesco ringrazia uno per uno i vescovi “per il vostro servizio, per il vostro amore alla Chiesa”. E li affida a Maria. “Quali sono le nostre prove?”, una delle domande che all’inizio della meditazione aveva esortato i presuli a porsi. La risposta, ancora una volta, a braccio: “Ne abbiamo tante, ognuno di noi sa le sue”. Ma “camminare innanzi al gregge” si può, “sciolti da pesi che intralciano”, suggerisce il Papa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *