Cupra Marittima dice “No” alla tassa di soggiorno: arriva il turismo partecipato

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA – L’estate è alle porte e incombe sui turisti l’incubo della tassa di soggiorno.
Fortunatamente quanti verranno in vacanza a Cupra Marittima invece la eviteranno, anche per quest’anno. La decisione viene annunciata dall’Amministrazione Comunale, dalla Pro Loco e dall’Acot, associazione cuprense operatori turistici.
Ha spiegato Marco Malaigia, assessore al turismo: «Proseguendo la scia del 2012, nemmeno per il 2013 applicheremo la tassa di soggiorno. Abbiamo chiesto però la collaborazione degli operatori turistici, albergatori, concessionari di spiaggia, titolari di campeggi, dando vita a quello che abbiamo definito un “turismo partecipato”. In cosa consiste questa iniziativa? Tutte le categorie menzionate precedentemente verseranno un piccolo contributo, ancora da definire, che sarà destinato ad iniziative turistiche come manifestazioni, accoglienza, promozione, servizi, insomma tutto ciò che ha a che fare con il turismo e migliorare Cupra in tutti i suoi aspetti, proprio per presentarla ancor meglio a quanti ci vengono a fare visita».
Aggiunge Elio Basili, presidente dell’Acot: «Cupra marittima è una città a vocazione turistica con molte strutture ricettive di tutte le categorie e per tutti tipi di turista, basta guardare il numero delle presenze nel periodo estivo, pertanto ritengo che non sia giusto far pagare una tassa al turista che comunque sceglie la nostra località tra tante altre per le proprie vacanze portando vantaggi e benessere al territorio. Ringrazio l’ Amministrazione per aver accolto la nostra richiesta di non inserire la tassa di soggiorno.
Riteniamo essenziale la partecipazione al tavolo del turismo per destinare il contributo al “turismo partecipato” come investimento a favore di Cupra città del turista. In un momento difficile per tutti invitiamo ogni operatore impegnato nel turismo e anche i privati cittadini che ad esempio affittano appartamenti a partecipare con un piccolo contributo all’economia di questa città per il bene di tutti. Il turista senz’altro apprezzerà questo gesto e noi crediamo che questo sarà il miglior passa parola per la Cupra marittima turistica del futuro».
Conclude Pino Neroni presidente della Pro Loco: «Non possiamo che essere entusiasti di questa iniziativa. Agevolare il turista evitando l’applicazione della tassa di soggiorno e investire di tasca propria del denaro per ottimizzare le proposte turistiche è davvero un’idea lodevole». La realizzazione di un tavolo  sul turismo partecipato è sintomo di una forte concordanza tra i settori in gioco e spronano a ricordare che soprattutto in periodi come questo l’unione fa la forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *