Famiglia: soggetto centrale dei servizi sociali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – “Famiglia: soggetto centrale dei servizi sociali” è il tema attorno a cui ruota la terza Conferenza regionale sulla Famiglia, in programma sabato prossimo, 18 maggio, alle ore 17, al Teatro la Nuova Fenice di Osimo. Un’iniziativa inserita nel contesto delle celebrazioni della Giornata internazionale della Famiglia, concordata con la Consulta regionale della Famiglia e organizzata dalla Regione Marche in collaborazione con il Comune di Osimo.

“Sarà un’importante opportunità di sensibilizzazione del territorio per la promozione e valorizzazione della famiglia, quale luogo di solidarietà, comunione di intenti e di incontro intergenerazionale tra giovani, adulti e anziani – dichiara l’assessore regionale Luca Marconi – e spero possa offrire l’opportunità di accrescere l’interesse verso le questioni relative alla famiglia, considerata come unità fondamentale della società, attraverso la conoscenza dei processi economici, culturali, sociali e demografici che la colpiscono”.

“In questo periodo di crisi – sottolinea l’assessore – focalizzare l’attenzione sul ruolo e l’importanza della famiglia diventa l’occasione per vedere in essa, intesa come impresa, come erogatrice di servizi sociali e come consumatrice di beni e servizi, il vero perno, la chiave di volta della crescita che tutti auspichiamo giunga presto, in modo consistente e duraturo”.

Il programma della manifestazione si svilupperà lungo tutto l’arco della giornata attraverso spazi espositivi (Atrio Palazzo Comunale), momenti di confronto e di animazione, attrazioni e giochi per bambini (Piazza Dante), a cominciare dalle ore 10. in Piazza del Teatro, dalle ore 15 alle 20, si svolgerà l’Agorà delle Associazioni delle Famiglie con l’apertura di stand espositivi.

Sempre dalle ore 15 alle 20, ai Giardini di Piazza Nuova – Piazza Gramsci, laboratori di falegnameria e riciclo creativo e giochi e attività varie con le associazioni sportive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *