Cento anni fa nasceva Pericle Fazzini

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Immagine tratta dal sito www.comune.grottammare.ap.it

GROTTAMMARE – Cento anni fa nasceva Pericle Fazzini.

Pericle inizia la propria formazione nella bottega del padre Vittorio, falegname; grazie all’aiuto del poeta Mario Rivosecchi nel 1930 si trasferisce a Roma, dove studia alla Scuola libera del nudo.

Nel 1931 vince il concorso per un monumento al cardinale Dusmet (che però non realizzerà mai); nel 1932 e nel 1933 partecipa al concorso per il Pensionato artistico nazionale ottenendo una borsa di studio, che vince grazie all’altorilievo Uscita dall’arca. Nel 1933 espone con Alberto Ziveri e Giuseppe Grassi presso la galleria di Dario Sabatello; nel 1934 espone a Parigi il Ritratto di Anita che viene acquistato dal Museo Jeu de Paume.

Nel 1935 partecipa alla II Quadriennale di Roma ottenendo un premio per gli altorilievi Danza e Tempesta. Espone di nuovo con successo a Parigi e Roma e nel 1938 apre un suo studio a Via Margutta, dove resterà per tutta la vita. Partecipa alla Biennale di Venezia con diverse sculture (Ritratto di UngarettiGiovane che declamaGiovane che ascolta). Partecipa a Corrente, rivista d’arte milanese che raccoglie i principali artisti italiani e partecipa alla seconda esposizione del movimento.

Nel 1940 sposa Anita Buy, poi parte per il servizio militare a Zara, eseguendo disegni per le riviste PrimatoDocumentoDomus. Tornato a Roma nel 1943 scolpisce il Ragazzo con i gabbiani; ispirato al clima bellico è invece Il fucilato.
Nel 1947 vince il Premio Torino con l’opera Anita in piedi e partecipa alla mostra del Fronte Nuovo per le Arti, con Emilio Vedova,Renato Guttuso. Nel 1949 vince il Premio Saint Vincent con l’opera Sibilla. Nel 1951 tiene la sua prima antologica alla Fondazione Premi Roma; nel 1952 espone a New York; torna alla Biennale di Venezia nel 1954, vincendo il primo premio per la scultura. Nel 1955 inizia ad insegnare all’Accademia di Firenze, mentre dal 1958 fino al 1980 insegna all’Accademia di Belle Arti di Roma.

Tra la fine degli anni cinquanta e gli anni sessanta lavora a progetti monumentali imponenti non sempre realizzati: portale della chiesa di San Giovanni Battista sull’A1; Fontana per il Palazzo dell’ENI a Roma, Monumento per la Resistenza ad Ancona, Monumento a Kennedy (mai realizzato; il bozzetto è a Grottammare, nella piazza che porta il nome dell’artista). Sin dagli anni Quaranta, fu un frequentatore assiduo della Messa degli Artisti di Piazza del Popolo a Roma, e un amico del suo fondatore, Mons. Ennio Francia.

Nel 1961 espone a Darmstadt; nel 1962 a Düsseldorf, nel 1963 la prima di numerose mostre in Giappone. Nel 1970 inizia “la Resurrezione” per la Sala Nervi in Vaticano, e i contatti con Papa Paolo VI lo portano ad inaugurare il 28 settembre 1977 la sua opera più famosa.

Due importanti antologiche ripercorrono la sua carriera: ad Avezzano nel 1983 e alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna nel 1984. Muore a Roma il 4 dicembre 1987.

Pericle Fazzini è tra i maggiori e più celebri esponenti della scultura internazionale. Le sue opere sono conservate nelle maggiori collezioni private e nei musei più importanti del mondo tra cui l’Hakone open air museum in Giappone, la Tate Gallery di Londra, laGalleria nazionale d’arte moderna di Roma, l’Art Institute di Chicago, il Momat di Tokyo ed il Museo d’arte contemporanea di Montreal. Dopo la sua morte numerose sono state le retrospettive a lui dedicate e realizzate in musei e spazi pubblici prestigiosi, come il Setagaya art Museum di Tokyo, la splendida cornice dei sassi di Matera, Villa d’Este di Tivoli ed il Sacro Cuore a Parigi. Tra i suoi allievi più vicini Vito Pancella (1945-2005) ed attualmente in attività Gino Giannetti.

Tratto da wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *