Cupra, l’imu sulla prima casa rimane al 4 per mille

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA –  «Nonostante il periodo economico non felice e i tagli dei trasferimenti dallo Stato siamo riusciti a rispettare il patto di stabilità, a mantenere gli stessi servizi e a raggiungere gli obiettivi prefissati». Lo ha affermato il sindaco di Cupra Marittima Domenico D’Annbiali durante il consiglio Comunale di martedì 30 aprile. Nella stessa sede è stato infatti approvato il rendiconto finanziario dell’anno 2012.  «Posso affermare – ha proseguito il sindaco – che grazie all’impegno degli assessori, in particolare dell’assessore al Bilancio Susanna Lucidi, attraverso una corretta gestione da buon padre di famiglia abbiamo ottenuto risultati soddisfacenti». Il sindaco si riferisce all’abbassamento dell’indice di indebitamento e del relativo incremento dell’indice di autonomia finanziaria.  Ma non solo. D’Annibali ricorda anche che dall’insediamento della sua giunta non è stata mai aumentata la Tarsu, grazie anche all’aumento della raccolta differenziata da parte dei cittadini.

Ha aggiunto la Lucidi: «Oggi gestire un paese, anche se piccolo come Cupra, è un vero e proprio percorso ad ostacoli ma el rendiconto 2012 da un punto di vista finanziario, economico e patrimoniale sono rispettati comunque tutti gli equilibri».

Sempre durante il consiglio Comunale di martedì sono state anche rese note le tariffe Imu per il 2013 che rimangono le stesse del 2012. Così l’Imu per la prima casa sarà al 4 per mille con tutte le detrazioni previste dalla direttiva nazionale; le aliquote base per tutti gli altri tipi di fabbricati sarà del 7,6 per mille; in caso di fabbricati in uso gratuito per parenti in linea retta, ad esempio tra genitori e figli, sarà agevolato al 5 per mille così come per gli immobili locati a canone concordato. Per quanto riguarda invece le abitazioni sfitte, quindi a disposizione, sarà applicato il 9,6 per mille. La sola variazione riguardane i beni strumentali agricoli che dal 1 per mille passano al 2 per mille.

Infine è stato ufficializzato l’arrivo del Tributo Comunale sui rifiuti e sui servizi sarà a breve realtà anche a Cupra Marittima. La nuova tassa, chiamata più comunemente Tares, sostituirà la Tarsu. D’Annibali e Lucidi hanno spiegato che per ora, “Le scadenze delle due rate Tarsu sono il 31 maggio e il 30 settembre. Il conguaglio Tares scadrà il 15 dicembre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *