Sant’Emidio e il territorio Casauriense tra terremoti antichi e recenti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ASCOLI PICENO La festa (dedicata al ricordo della traslazione delle spoglie del santo patrono nella Cattedrale di Ascoli) era un tempo seconda per importanza solo alle feste patronali di agosto ma cadde in disuso verso la metà del Novecento.
L’associazione culturale «Sant’Emidio nel mondo» si è riproposta di dare nuova vita alla festa di aprile e negli anni scorsi ha celebrato l’evento con iniziative religiose e culturali di vario genere.

Da quest’anno prende invece il via un appuntamento annuale mirante a convocare presso il sepolcro di sant’Emidio, gli abitanti delle località dove si venera il santo protettore contro il terremoto e che sono quindi spiritualmente unite ad Ascoli, rinsaldando i legami di civico e mutuo sostegno tra le comunità del nostro Paese.

Dato che il 6 aprile 2013 ricorre il quarto anniversario del terremoto abruzzese del 2009, l’associazione culturale «Sant’Emidio nel mondo» ha deciso di inaugurare la prima edizione di questa manifestazione accogliendo ad Ascoli una rappresentanza della comunità di Castiglione a Casauria, cittadina della provincia di Pescara che ha eletto sant’Emidio a compatrono nel 1787 e che è stata colpita dal terremoto del 2009.

La manifestazione, che si articolerà lungo l’intero arco della giornata, prevede tappe di rilevanza civica, religiosa e culturale e momenti di accoglienza dei pellegrini da parte dell’associazione e della Parrocchia del Sacro Cuore.

I punti essenziali del programma sono
– alle 10.30 a Palazzo dell’Arengo, presso la Sala della Vittoria, incontro tra i rappresentanti delle istituzioni civiche di Ascoli e Castiglione a Casauria;
– alle 11.30 nella Cripta della Cattedrale, concelebrazione eucaristica animata dal coro della Parrocchia del SS.mo Crocifisso;
– alle 15.30 presso la sede dell’associazione (ex chiesa di S. Ilario, via Carso 5, di fronte al tempietto di S. Emidio alle Grotte), si svolgerà la quarta Conversazione emidiana.

Il tema della Conversazione emidiana di quest’anno è «Sant’Emidio e il territorio Casauriense tra terremoti antichi e recenti» e prevede interventi storico casauriense prof. A.A. Varrasso e di operatori della Protezione Civile di Ascoli Piceno e di Castiglione a Casauria, i quali che condivideranno con l’uditorio esperienze e ricordi del terremoto del 2009.

La cittadinanza è calorosamente invitata a partecipare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *