Raccolta differenziata, le associazioni di categoria in campo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO– Si è svolto questa mattina, giovedì 28 marzo, in Municipio un incontro tra Amministrazione comunale e associazioni di categoria del commercio per coordinare azioni di comunicazione volte a sensibilizzazione la clientela sulla necessità di fare la raccolta differenziata dei rifiuti.

Per l’Amministrazione erano presenti il sindaco Giovanni Gaspari e l’assessore all’ambiente Paolo Canducci, per Confcommercio Vittorio Piunti e Alfiero Caposciutti e per Confesercenti Sandro Assenti.

Il Sindaco ha illustrato i risultati fino ad ora ottenuti dopo un anno dall’avvio del “porta a porta spinto” e ha sottolineato che mai come in questo momento l’obiettivo del 65% di rifiuti avviati al riciclo deve essere conseguito con l’aiuto di tutti anche attraverso modalità di comunicazione alternative a quelle già messe in campo. Ad esempio, si è pensato alla creazione di una campagna di marketing da veicolare attraverso prodotti da imballaggio (carta e buste) utilizzati per incartare i prodotti alimentari.

Da parte dei rappresentanti di categoria è giunta la massima disponibilità a collaborare per diffondere le iniziative che saranno messe in campo. Da parte di Assenti è giunto un suggerimento ad utilizzare anche i nuovi strumenti di comunicazione (social network e apps per cellulari).

“Intendiamo proseguire questo confronto – ha dichiarato al termine il sindaco Gaspari – perché sono gli interlocutori capaci di aiutarci ad entrare in contatto con tanti commercianti e far capire loro quanto sia importante il loro apporto per migliorare la raccolta differenziata”.

L’assessore Canducci ha anche ricordato alle associazioni di categoria che, vista l’imminente apertura delle attività stagionali, è indispensabile che i gestori, qualora non l’avessero già fatto, contattino in caso di necessità la Picenambiente per risolvere eventuali problematiche connesse al corretto smaltimento dei rifiuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *