A San Benedetto il congresso internazionale dei ferrovieri esperantisti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO– Dal 17 al 24 maggio 2014 San Benedetto del Tronto ospiterà il 66° congresso internazionale dei ferrovieri esperantisti. Questo l’esito dell’incontro tenutosi questa mattina in Municipio tra l’assessore Fabio Urbinati, la dirigente della Confcommercio Maria Angellotti, il presidente di Federalberghi Luciano Pompili e i membri del consiglio direttivo dell’associazione provenienti da Francia, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania e Italia, in questi giorni in assemblea in città.

La federazione internazionale ferrovieri esperantisti comprende 18 associazioni nazionali, sia europee che no (sono comprese anche la Cina, il Giappone e da quest’anno anche Cuba) con oltre 1.500 membri e organizza ogni anno un congresso in un differente Stato.

L’esperanto, nato come lingua internazionale 125 anni fa, si propone come lingua ausiliaria da affiancare alle varie lingue nazionali nel rispetto della diversità delle culture e delle lingue di tutti i popoli, e non vuole sostituirsi a loro. I ferrovieri esperantisti cercano di diffondere la lingua, organizzano corsi ed altri incontri per favorire la corrispondenza e l’amicizia, insieme con la cultura ferroviaria e l’idea della possibile pacifica convivenza internazionale.

La scelta della Riviera delle Palme è susseguente al contatto avuto nel 2011 dal presidente della Confcommercio Fausto Calabresi a Liberec in Repubblica Ceca, dove si stava svolgendo il congresso internazionale degli esperantisti, che propose San Benedetto del Tronto come sede del convegno italiano ricevendo poco dopo una risposta positiva.

“Saremo lieti di ospitare a San Benedetto il congresso degli esperantisti – ha detto Urbinati ricevendo la delegazione  – e onorati che la scelta sia ricaduta sulla nostra città. Mi dicono che già 30 anni fa San Benedetto ospitò un congresso internazionale su questo tema e la città ha dedicato un piccolo slargo a Porto d’Ascoli proprio all’esperanto. Vorremo anche far conoscere questa lingua e potremmo nelle settimane prima del congresso organizzare dei brevi corsi per gli studenti sambenedettesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *