Martinsicuro celebra 50 anni dalla sua nascita

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MARTINSICURO – Martinsicuro si prepara a festeggiare i suoi primi cinquant’anni con una serie di iniziative volte a celebrare la nascita del Comune truentino.

“Il 18 Marzo del ‘63 Martinsicuro si affranca da Colonnella. Da piccolo borgo di  tre mila anime a importante realtà di diciassettemila abitanti, ad oggi una delle più importanti del Teramano.” – ha dichiarato il Sindaco Paolo Camaioni.

“Festeggiamenti all’insegna dell’austerity. Visti i tempi non volevamo gravare sulla casse del Comune. I tagli ai Comuni sono sempre maggiori, ma volevamo, comunque, confermare questo evento. Festeggeremo, quindi, con consapevolezza e tanta sobrietà.” – ha affermato l’assessore al bilancio Stefano Ciapanna.

L’amministrazione comunale prevede, quindi, una serie di eventi, a partire dal 18 Marzo, volti a rievocare le principali tappe dalla fondazione del Comune.

Lunedì 18 Marzo alle 9:30 presso il Palazzetto dello Sport spettacolo a cura del Mago Sam rivolto ai bambini delle scuole elementari. Nel pomeriggio, alle 16:30 presso la sala consiliare, cerimonia ufficiale con la partecipazione dei Sindaci martinsicuresi dal 1963 ad oggi, delle autorità civili, militari e religiose e dell’intero consiglio comunale, nonché dei Sindaci della Val Vibrata, del Presidente della Provincia, Valter Catarra e del Governatore della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi. Non mancheranno i rappresentanti delle associazioni culturali e sportive, di volontariato e dei comitati di quartiere martinsicuresi.

Nel corso della cerimonia saranno inseriti racconti e cenni storici a cura del Prof. Leopoldo Saraceni e un concerto di musica celtica dell’Irish Group. Le celebrazioni si concluderanno in serata con una cena buffet offerta dall’amministrazione comunale presso i locali dell’asilo nido in via Aldo Moro.

“Sarà un buffet particolare, sobrio ed elegante, con l’intento di coniugare taglio e professionalità, ma a costi contenuti visto il budget limitato. I ragazzi della scuola alberghiera di San Benedetto del Tronto accoglieranno gli ospiti occupandosi anche del servizio, mentre il personale della mensa comunale preparerà il buffet.” – ha spiegato Massimo Corsi.

Il 24 Marzo alle ore 18 presso il Palazzetto dello Sport l’amministrazione comunale invita tutti i cittadini ad unirsi ai festeggiamenti con uno spettacolo comico del cabarettista abruzzese Marco Papa.

“La scelta di Marco Papa non è casuale. L’artista rappresenta bene il nostro contesto abruzzese ed è un personaggio stimato e apprezzato anche nelle regioni limitrofe.” – ha precisato Camaioni.

I festeggiamenti per il 50° anniversario non si limiteranno al programma previsto per  queste due giornate di Marzo, ma si estenderanno al resto dell’anno, con una serie di iniziative organizzate con il contributo dell’intera cittadinanza e che vedranno la collaborazione anche dei comitati di quartiere, delle pro loco, del centro anziani, delle scuole e delle associazioni sportive martinsicuresi.

“Il messaggio che vogliamo trasmettere è quello di cittadinanza attiva e partecipativa. Tutti devono collaborare all’organizzazione del cartellone eventi per i festeggiamenti del 50°, anche per riallacciare quei rapporti, che con il tempo, inevitabilmente, si sono allentatati.” – ha spiegato Marco Ceci.

“Martinsicuro è ancora un territorio dalle potenzialità inespresse che, purtroppo, è tristemente noto per fatti di cronaca non sempre felici. Si tratta, tuttavia, di un territorio dalle potenzialità inespresse e di una realtà laboriosa e accogliente. I festeggiamenti per il 50° sono solo un punto di partenza, che ha come finalità quella di risvegliare l’orgoglio di essere  martinsicurese.” – ha dichiarato l’assessore Boris Giorgetti.

“Sempre legato al cinquantesimo – ha spiegato il vicesindaco Debora Vallese – è stato indetto un concorso rivolto ai ragazzi delle scuole elementari e medie comunali. Ai ragazzi sarà chiesto di reinterpretare il ruolo delle donne martinsicuresi attraverso elaborati letterari, figurativi, musicali e cortometraggi, che raccontino l’evoluzione sociale e politica della donna e il suo contributo alla comunità. Una giuria di esperti decreterà il vincitore. Il premio saranno circa 600 euro da spendere in materiale didattico. Qualora dovessero esserci premi fuori concorso verranno assegnati libri di testo e didattici.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *