Lezione del luogotenente Orlandi al corso “Tecnico dell’accoglienza”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Centro Locale di Formazione di San Benedetto del Tronto ha ospitato, la scorsa settimana, un interessante seminario tematico su diritto della navigazione e storia delle imbarcazioni a cura del luogotenente Rocco Orlandi, già medaglia d’argento al Valor di Marina, che per oltre 40 anni ha ricoperto prestigiosi incarichi nell’ambito della Capitaneria di Porto.

L’intervento dell’esperto relatore si è inserito nel ricco programma didattico previsto dal corso “Tecnico dell’Accoglienza” (Hostess e Steward) promosso dalla Provincia e attualmente in svolgimento presso la struttura di via del Mare.

Il luogotenente Orlandi, affiancato dalla prof.ssa Pelicciari docente in “Legislazione Turistica”, si è soffermato su diversi temi spiegando, inoltre, ai corsisti come è composta una nave, quali sono le caratteristiche tecniche delle imbarcazioni, chi è chiamato ad operare nelle navi mercantili, quali sono gli strumenti e le procedure di sicurezza da avviare in caso di emergenza a bordo.

“Si è trattata di una lezione molto utile che ha consentito agli allievi di concretizzare la loro formazione e di contestualizzare le informazioni già in loro possesso in conoscenze pratiche e di servizio” ha dichiarato il responsabile del CLF Alessandro D’Ignazi ricordando come il corso, finanziato con risorse del FSE, risponde a una precisa esigenza del mercato del lavoro collocando l’offerta formativa in un determinato ambito in forte crescita.

Presente in aula anche il Presidente della Provincia Piero Celani che, dopo aver ringraziato Orlandi per il qualificato contributo, ha sottolineato l’alta valenza dell’iniziativa formativa messa in campo dalla Provincia “diretta a preparare autentici professionisti in un settore strategico come quello dell’accoglienza in particolare sulle navi da crociera, nel comparto crocieristico, nei grandi alberghi di lusso e in contesti lavorativi ad ampio respiro internazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *