Educazione alla legalità. Conferenze nelle scuole tenute dai carabinieri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nei giorni scorsi, presso l’I.P.S.I.A. (dirigente scolastico Prof. Giovanni D’Angelo) e l’I.T.C. “Capriotti” (dirigente la Prof.ssa Elisa Vita) di San Benedetto del Tronto, il Cap. Giancarlo Vaccarini, Comandante della Compagnia Carabinieri di San Benedetto del Tronto ha incontrato insegnanti e studenti, per parlare di legalità.
Presso gli auditorium delle due scuole, ai circa 500 studenti presenti, è stato spiegato il lavoro quotidiano svolto dalle forze dell’ordine e il senso e l’importanza del rispetto delle regole nel contesto della società moderna. L’incontro rientra nel ciclo di conferenze e dibattiti sulla legalità che i carabinieri, su tutto il territorio nazionale, tengono nelle scuole, con l’obiettivo di sviluppare un percorso di crescita verso il rispetto del prossimo e prevenire i fenomeni devianti attraverso la diffusione della cultura della legalità negli istituti di istruzione. Nel corso dell’incontro, i carabinieri hanno fatto conoscere agli studenti l’organizzazione dell’Arma, il suo ruolo tradizionale come punto di riferimento immediato per il cittadino, sia con le stazioni sia con le pattuglie che con i carabinieri di quartiere. I ragazzi sono stati inoltre coinvolti su tematiche attualissime e di assoluto interesse quali il rispetto del codice della strada, la lotta a fenomeni devianti, quali il bullismo e lo stalking, l’uso di droga e l’abuso di alcool.
Sono stati affrontati gli effetti sul corpo umano a quelli giuridici inerenti dette problematiche, con uno sguardo rivolto alla realtà locale. Molti i quesiti e gli interventi proposti dagli studenti all’ufficiale dei carabinieri, segno evidente della piena riuscita dell’iniziativa e della necessità di incentivare sempre più le occasioni di incontro tra il mondo della scuola, luogo deputato alla formazione della coscienza civica e morale dei giovani, e le istituzioni dello stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *