Il Vangelo della Trasfigurazione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Questo Vangelo è il punto fermo della nostra speranza di poter contemplare la sua Gloria. Dopo aver detto ai discepoli che si deve prendere la croce, Gesù porta Giacomo, Giovanni e Pietro sul monte e lì viene trasfigurato. Gesù non parla; è tutto consegnato al Padre, perciò luminoso. È il Padre a parlare.

A splendere, sul monte, è l’essere figlio di Gesù; la luminosità è il segreto del rapporto col Padre. L’ombra che avvolge i discepoli è quella che la potenza dell’Altissimo stende su Maria all’annuncio. Da quella a Nazaret nasce il Cristo e da questa sul monte della Trasfigurazione nasce il Regno e la Pasqua, vera radice e frutto della Passione. Pietro, Giacomo e Giovanni, prima di morire vedono il regno di Dio: Gesù l’aveva detto.

Pasqua è ovunque, anche in croce, se hai gli occhi trasfigurati e sei sveglio, vigile, pronto all’incontro. Sul monte e nell’orto, invece, i discepoli dormivano… La trasfigurazione avviene otto giorni dopo, nell’ottavo giorno, nel giorno del Signore. La Domenica, per noi, è giorno di pasqua e di visione trasfigurata e anticipata del Regno di Dio.

La voce del Padre è su Gesù, lo indica “eletto”, “Figlio da ascoltare”. Quando cessa la voce, Gesù resta solo. E i discepoli, scendendo dal monte, custodiscono il silenzio, segno che sono entrati nel mistero della Pasqua. Questo dobbiamo fare noi, oggi, per entrare nel mistero della prossima Pasqua. E pregare. Per Pietro. Lui è necessario alla Chiesa, per costruirsi una ed essere sguardo trasfigurato su questo mondo che dorme.

Io credo, non perché vedo, ma perché sono stato visto.
L’amore vede, perciò tace; tace anche se stesso parlando d’altro.
Non l’amante apprende l’amore, ma l’amato,
colui che accetta di essere trasfigurato agli occhi di un’altra persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *