“L’impatto delle biblioteche pubbliche” in un volume

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO– Verrà presentato venerdì 22 febbraio, alle 15, all’Auditorium “G. Tebaldini”, il libro “L’impatto delle biblioteche pubbliche: obiettivi, modelli e risultati di un progetto valutativo”.

Il volume, curato dal prof. Giovanni Di Domenico dell’Università degli studi di Urbino, raccoglie i materiali prodotti e l’analisi dei risultati delle indagini condotte su sei strutture comunali delle Marche: la Biblioteca comunale di Carpegna, la Biblioteca comunale di Falconara Marittima,la Mediateca Montanaridi Fano, la Biblioteca comunale San Giovanni di Pesaro, la Biblioteca comunale di Urbania e la Biblioteca comunale multimediale “Giuseppe Lesca” di San Benedetto del Tronto.

Con il prof. Di Domenico affronteranno il tema Patrizia Ginobili (giornalista di RAI 3), Michele Rosco (consulente e – marketing per i beni culturali), Giovanni Solimine dell’Università “La Sapienza” di Roma, Tommaso Paiano, presidente della sezione marchigiana dell’associazione bibliotecari italiani – AIB).

L’incontro vuole essere un’occasione per discutere con tutte le categorie interessate (amministrazioni, scuole, media, cittadini, associazioni) il ruolo e il futuro di un’istituzione che nonostante, i gravi effetti della crisi, dimostra di sapersi rilanciare, offrendo agli utenti e alle comunità locali servizi capaci di generare crescita culturale, sociale ed economica.

Il libroLo studio ha permesso di acquisire informazioni sulla percezione che i cittadini hanno dei benefici ricavati dai servizi bibliotecari, grazie alle indagini rivolte ad un campione di utenti e di studenti, ai dati raccolti sul territorio e sulle strutture bibliotecarie e al parere di amministratori, dirigenti scolastici e personalità del mondo sindacale e dei media.

Gli obiettivi hanno riguardato la messa a punto di un modello di valutazione degli outcomes agile, pertinente al contesto e adattabile a situazioni con caratteristiche simili; la rilevazione dell’impatto di alcune biblioteche marchigiane su utenti e comunità; l’acquisizione del parere di utenti e non utenti sul ruolo sociale ed economico delle biblioteche pubbliche in generale, con specifica attenzione al mondo giovanile; l’acquisizione delle opinioni di alcuni leader di comunità (esponenti di Associazioni sindacali, Sindaci, Assessori, Giornalisti, Dirigenti scolastici, esponenti delle Camere di Commercio);la finalizzazione dell’esperienza a una pratica consapevole e responsabile di rendicontazione sociale; lo sviluppo, nelle strutture coinvolte e tra i partecipanti, di nuove competenze organizzative e professionali in materia di valutazione e rendicontazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *