Scout a servizio della comunità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una bella iniziativa per dare più ordine ad una delle aree verdi più belle e frequentate della città, il parco “Karol Wojtyla”, si è svolta nella giornata di domenica , quando ragazzi e adulti appartenenti al reparto “Jonathan” del Gruppo Scout San Benedetto del Tronto 1, la cui sede si trova nella parrocchia San Pio X, si sono ritrovati armati di atterezzi e tanta buona volontà per potare e sfoltire le piante del parco.

Per tutta la giornata si sono dati il cambio 18 tra ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 ai 15 anni che, suddivisi in 4 pattuglie (denominate “Lupi”, “Pantere”, “Delfini” e “Leoni”), hanno potato siepi, palme, ulivi, pulito gli spazi erbosi. Il Comitato di quartiere di Sant’Antonio e l’associazione “Antoniana Eventi” che ha in gestione il parco hanno offerto il pranzo ai ragazzi comprensibilmente… affamati.

L’iniziativa si è svolta nella ricorrenza del centenario di vita degli Scout ma anche per abituare i ragazzi a svolgere dei servizi gratuiti per la comunità cercando di rendere più fruibile il parco a tutti coloro che lo utilizzano. “Tra questi ragazzi – aggiunge il presidente del quartiere Giorgio Fede – ce ne sono alcuni che frequentano i prospicienti licei e che dunque sono forse tra i più assidui frequentatori dell’area verde. Mi auguro che, dopo quest’esperienza, divertente ma senz’altro faticosa, possano diventare efficaci testimoni verso i loro coetanei di quanto sia importante avere a cura i beni pubblici e di quanta fatica occorra per tenere in ordine uno spazio così grande”.

A far visita ai ragazzi anche il vicesindaco, con delega all’erredo urbano, Eldo Fanini, che ha trasmesso ai ragazzi le felicitazioni dell’Amministrazione per l’iniziativa che – ha detto – “non solo è finalizzata a rinsaldare il senso civico dei più giovani ma anche a dimostrare come possa funzionare la collaborazione tra Comune e associazionismo nella cura del patrimonio pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *