FOTOGALLERY La bella vita … fino in cima: Ice Day

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

 

DIOCESI – Il 2013 per i giovanissimi della nostra diocesi è iniziato con una bellissima giornata trascorsa insieme sulle nevi di Frontignano di Ussita organizzata dalla ormai collaudata equipe del settore giovani di Azione Cattolica, guidata dai vulcanici ed instancabili vice presidenti di settore Gabriella e Marco. Quasi un centinaio di ragazzi appartenenti alle parrocchie di San Pio X, San Filippo Neri, Madonna del Suffragio, Madonna della Marina, Sacra Famiglia, Cristo Re di San Benedetto del Tronto, San Pio V di Grottammare e Sacro Cuore di Martinsicuro,  più una partecipante della parrocchia San Niccolò di Acquaviva, si sono ritrovati davanti alla chiesa di San Filippo, luogo convenuto per la partenza, alle sette del mattino … più o meno; la giornata non poteva iniziare senza un momento di preghiera guidato da don Guido Coccia che ha partecipato a questa gita insieme al novello don Roberto Traini. Partiti abbastanza in orario, i ragazzi sono arrivati a destinazione con due autobus intorno alle 10 e dopo un bellissimo percorso in seggiovia si sono scatenati sulla neve di Frontignano con sci, slittini, padelle e buste di plastica, insomma risate e tanto divertimento tra uno scherzo e l’altro, i ragazzi hanno praticamente monopolizzato la pista. Arrivata la fame dopo tanto movimento, il bel gruppetto ha consumato il pranzo al sacco in una sala messa a disposizione da una struttura alberghiera del luogo; al momento conviviale è seguito un momento di condivisione, con canti e riflessioni, guidato dai giovani don Guido e don Roberto, che hanno fatto riflettere i ragazzi sul significato profondo della condivisione, intesa come un’interazione reale, vera e sincera con il nostro prossimo, un prendersi per mano per fare un cammino di fraternità insieme, senza chiudersi in se stessi. Aprirsi all’altro è lasciare che l’altro abiti il nostro cuore e la nostra vita, un invito ad aprirci anche ad una dimensione più profonda: accogliere senza remore Gesù. Nel pomeriggio, come previsto, i ragazzi hanno consumato le ultime energie al palaghiaccio, dove dilettanti allo sbaraglio hanno dato buona prova delle proprie capacità sulla pista incoraggiando nel frattempo i più timorosi a lasciarsi andare sul ghiaccio nonostante qualche caduta fortunatamente non rovinosa! La giornata è poi terminata nel piccolo centro di Ussita dove dopo aver visitato il Mercatino di Natale per qualche piccolo acquisto e un po’ di vin brulé (per i maggiorenni) i giovanissimi radunati intorno ad un particolare presepe in legno compensato, hanno concluso la gita pregando insieme il Padre Nostro dopo aver avuto l’augurio da parte di don Guido di cogliere in questa giornata un senso profondo di una gioiosa condivisione fraterna con l’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *