Il filo rosso dei martiri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

VATICANO – Un invito a lasciarsi attirare da Cristo: è venuto, da Benedetto XVI, in occasione dell’Angelus, recitato con i fedeli giunti da tutto il mondo in piazza San Pietro, in occasione della festa di santo Stefano.

Il primo martire. “Ogni anno, all’indomani del Natale del Signore, la liturgia ci fa celebrare la festa di santo Stefano, diacono e primo martire – ha ricordato il Papa -. Il libro degli Atti degli Apostoli ce lo presenta come uomo pieno di grazia e di Spirito Santo; in lui si è verificata in pieno la promessa di Gesù riportata dal testo evangelico odierno, che cioè i credenti chiamati a rendere testimonianza in circostanze difficili e pericolose non saranno abbandonati e indifesi: lo Spirito di Dio parlerà in loro”. Il diacono Stefano, in effetti, “operò, parlò e morì animato dallo Spirito Santo, testimoniando l’amore di Cristo fino all’estremo sacrificio. Il primo martire viene descritto, nella sua sofferenza, come imitazione perfetta di Cristo, la cui passione si ripete fino nei dettagli”. La vita di santo Stefano, ha chiarito il Pontefice, “è interamente plasmata da Dio, conformata a Cristo; nel momento finale della morte, in ginocchio, egli riprende la preghiera di Gesù sulla croce, affidandosi al Signore e perdonando i suoi nemici: ‘Signore, non imputare loro questo peccato’. Ricolmo di Spirito Santo, mentre i suoi occhi stanno per spegnersi, egli fissa lo sguardo su ‘Gesù che stava alla destra di Dio’, Signore di tutto e che tutti attira a Sé”.

Aprirsi alla luce. “Nel giorno di santo Stefano – ha sottolineato il Santo Padre -, anche noi siamo chiamati a fissare lo sguardo sul Figlio di Dio, che nel clima gioioso del Natale contempliamo nel mistero della sua incarnazione. Con il battesimo e la cresima, con il prezioso dono della fede alimentata dai sacramenti della Chiesa, specialmente dall’Eucaristia, Gesù Cristo ci ha legati a Sé e vuole continuare in noi, con l’azione dello Spirito Santo, la sua opera di salvezza, che tutto riscatta, valorizza, eleva e conduce al compimento”. Così “lasciarsi attirare da Cristo, come ha fatto santo Stefano, significa aprire la propria vita alla luce che la richiama, la orienta e le fa percorrere la via del bene, la via di un’umanità secondo il disegno di amore di Dio”.

Testimonianza convinta. Infine, ha sottolineato Benedetto XVI, “santo Stefano è un modello per tutti coloro che vogliono mettersi al servizio della nuova evangelizzazione. Egli dimostra che la novità dell’annuncio non consiste primariamente nell’uso di metodi o tecniche originali, che certo hanno la loro utilità, ma nell’essere ricolmi di Spirito Santo e lasciarsi guidare da Lui”. La novità dell’annuncio, ha sostenuto il Papa, “sta nella profondità dell’immersione nel mistero di Cristo, dell’assimilazione della sua parola e della sua presenza nell’Eucaristia, così che Lui stesso, Gesù vivo, possa parlare e agire nel suo inviato”. In sostanza, “l’evangelizzatore diventa capace di portare Cristo agli altri in maniera efficace quando vive di Cristo, quando la novità del Vangelo si manifesta nella sua stessa vita”. Il Pontefice ha, quindi, invitato a pregare “la Vergine Maria, affinché la Chiesa, in quest’Anno della fede, veda moltiplicarsi gli uomini e le donne che, come santo Stefano, sanno dare una testimonianza convinta e coraggiosa del Signore Gesù”.

Rinnovare la fede. Dopo l’Angelus, nei saluti in varie lingue, dopo aver risposto agli auguri dei fedeli, in francese il Santo Padre ha fatto notare che “il martirio del diacono Stefano dimostra che la nascita del Figlio di Dio ha inaugurato un’era nuova, quella dell’amore. L’amore abbatte le barriere tra gli uomini. E li rende fratelli nel conciliare il perdono, donato e ricevuto. Che l’intercessione di santo Stefano, fedele al Signore sino alla fine, sostenga i cristiani perseguitati e che la nostra preghiera li incoraggi! Seguendo lui, testimoniano senza paura, con coraggio e determinazione la nostra fede”. Anche in inglese ha invitato a seguire l’esempio di santo Stefano: “Come lui, possiamo noi essere benedetti dalla grazia di Dio per avere il coraggio di parlare e difendere la verità della nostra fede in pubblico, con carità e costanza”. La festa di santo Stefano, ha detto Benedetto XVI in spagnolo, “diventa un invito a chiedere al Bambino Gesù che rinnovi la nostra fede e la renda più attiva attraverso la carità. A Lui chiediamo anche che l’esempio di fedeltà al Vangelo di questo primo martire aiuti i cristiani a vincere paure e inerzie, per dare ragione della speranza a chi lo chiede, con audacia e sapienza”. In polacco, “commemorando San Stefano, primo martire, per sua intercessione – ha affermato – chiediamo a Dio affinché nella vita quotidiana non ci manchino la saggezza e il coraggio, la fede e l’amore, che trovano il loro compimento nella gloria del Signore”. In italiano, il Pontefice ha salutato in particolare i giovani del Movimento dei Focolari provenienti da molti Paesi del mondo: “Cari giovani, l’esempio della beata Chiara Badano vi aiuti nel cammino della fede!”. “A tutti auguro una buona festa, nella luce e nella pace del Natale del Signore. Buona festa e tanta gioia”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *