Nessuno ceda allo scoraggiamento

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CHIESA Luci che qua e là si intravvedono. “Nessuno ceda allo scoraggiamento, per nessun motivo, e tutti possano – grazie al Bambin Gesu’, di cui ricordiamo ancora una volta l’incarnazione nel mondo – ritrovare legami più stretti, vincoli più virtuosi, solidali, di benevolenza, sostegno e aiuto non solo dal punto di vista economico ma soprattutto dal punto di vista affettivo perché questa è la forza interiore che ogni persona cerca di fronte alle durezze della vita”. E’ l’auspicio espresso questa mattina dall’arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, nel tradizionale messaggio di auguri alla città in occasione del Natale. Il cardinale ha poi affermato: “le ristrettezze della crisi, che tutti conosciamo, penso che possano essere di invito e di stimolo, molto profondo, come avviene in famiglia”. Per questo, ha proseguito, “auspico che questi momenti di pesante crisi, dove però ci sono anche delle luci che qua e là si intravedono, dei segnali, di speranza, sempre più si mettano insieme intelligenze, onestà, responsabilità, ognuno faccia veramente la propria parte, il proprio dovere, al meglio”. “Mettendosi sempre meglio in rete con gli altri – ha concluso – sono certo che la crisi si possa superare”.

Gli adulti guardino il presepe con gli occhi dei bambini. Il cardinale ha poi esortato a non abbandonare le tradizioni sostando davanti al presepe. “L’invito agli adulti – ha continuato il porporato – è di guardare i bambini che guardano il presepe perché i bambini hanno quegli atteggiamenti spontanei di stupore e di gioia che gli adulti, molte volte, si vergognano di manifestare”. Infatti, ha proseguito il cardinale, “la solitudine che accompagna la vita di ogni persona è innanzi tutto colmata, se la persona è credente, dalla presenza di Dio che nella grotta di Betlemme e nei nostri presepi si ripropone e si offre con tanta umiltà. “L’invito – ha detto ancora il porporato – è di sostare davanti al presepe delle nostre case, delle chiese, per risentire il calore di questa presenza” perché “nessuno è solo nel mondo”. L’arcivescovo ha poi esortato a “rinsaldare la compagnia tra gli uomini” per superare “le tante solitudini che ci sono, anche e soprattutto nella nostra città che sappiamo essere una città di persone avanti con gli anni”. “Mi auguro e auspico – ha concluso – che si possa, soprattutto in questi giorni, trovare uno sguardo di maggiore attenzione, una parola, uno sguardo, un gesto”. E che tale attenzione “non sia soltanto di un giorno o di un’ora ma possa continuare anche tutto l’anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *