Prosegue alla scuola “D’Azeglio” di Ascoli Piceno il progetto “Pro.Me”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

 ASCOLI PICENO- Genitori attenti e particolarmente interessati a conoscere attitudini, aspirazioni e aspettative dei propri figli in vista della delicata scelta delle Superiori: è quanto si è vissuto nell’aula magna della scuola media “M. D’Azeglio” di Ascoli in occasione della restituzione delle schede compilate dai ragazzi protagonisti del progetto Pro.Me.

Il funzionario della Provincia e responsabile dell’Anagrafe scolastica, Stefano Girolami spiegando alla nutrita platea di madri,  padri e familiari il significato dell’iniziativa fortemente sostenuta dall’Amministrazione Provinciale, ha sottolineato l’importanza di un nuovo modo di fare orientamento finalizzato a valorizzare la sensibilità e le capacità dei giovani.

“I ragazzi sono chiamati in prima persona ad effettuare una scelta scolastica molto importante, spesso decisiva, che, nelle sue linee guida e nelle sue finalità, dovrebbe rispondere a personali inclinazioni e capacità, oltre che passioni – hanno evidenziato il Presidente della Provincia Piero Celani e l’Assessore alla Formazione Professionale Aleandro Petrucci compito dei genitori dunque non è solo di ascoltare le loro esigenze e ambizioni, ma anche di guidarli fattivamente nel loro percorso che dovrà, sia in caso di scelta di scuole professionali che liceali, essere incentrato su tanto studio, giusto sacrificio e impegno”.

Al termine dell’incontro, molti genitori hanno posto domande con lo staff della Provincia per approfondire le schede compilate in precedenza dai figli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *