Grottammare, inaugurato l’archivio storico

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Scadenza in vista per il consiglio comunale, nuovamente convocato per deliberare sull’assestamento dei conti di bilancio, atto possibile entro la fine del mese.

Ma non solo obblighi per la seduta di martedì prossimo, 27 novembre (con inizio alle ore 21): l’assise si confronterà sul tema dello “Ius soli” e discuterà la proposta di approvazione del regolamento dell’Archivio Storico Comunale, inaugurato questa mattina alla presenza delle autorità provinciali e cittadine, della Soprintendente ai Beni archivistici per le Marche Luisa Montevecchi e altri esperti e tecnici del settore che hanno intrattenuto numerose scolaresche nella sala Kursaal fino al momento del taglio del nastro, avvenuto presso il palazzo della Biblioteca civica dove ha sede l’Archivio.

Il documento in approvazione martedì, va a completare il percorso che ha condotto alla fruibilità del patrimonio documentale cittadino, reso possibile dall’inserimento del comune di Grottammare nel progetto “Memorie di carta”, promosso dalla Provincia in sinergia con la Soprintendenza archivistica per le Marche, la Regione, la Fondazione Carisap e i Comuni del Piceno, con il fine di tutelare e valorizzare i beni archivistici del territorio.

Il progetto provinciale ha concluso un lavoro già avviato dall’amministrazione comunale cittadina, sia con la predisposizione di spazi idonei al momento della ristrutturazione dell’attuale palazzo della biblioteca comunale, sia con un’ iniziale opera di censimento delle carte e di verifica dello stato dell’archivio avvenuta negli anni passati.

Sul tema dello Ius soli, il consiglio comunale è chiamato a ratificare una deliberazione di giunta che nei giorni scorsi ha deciso di conferire la cittadinanza simbolica a tutti i giovani residenti di Grottammare, ancora minorenni, nati sul territorio nazionale da genitori stranieri.

Nel comune di Grottammare vivono stabilmente 1047 cittadini stranieri, di cui 214 minorenni. I nati in Italia sono 128.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *