16а Giornata nazionale della Colletta Alimentare, partecipa anche tu

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 24 novembre saranno coinvolti, a livello nazionale, più di 130.000 volontari della Fondazione Banco AlimentareOnlus, in oltre 9.000 supermercati, che inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione. Solo nella provincia di Ascoli Piceno i volontari saranno circa 500 per più di 40 punti vendita aderenti.

Le donazioni di alimenti ricevute durante la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare (GNCA) andranno a integrare quanto la Rete Banco Alimentare recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo (nel 2011 58.390.000 kg di alimenti, pari a un valore di circa 128 milioni di euro ovvero al carico di oltre 1.700 tir).

Le ragioni di fondo di questo gesto di carità sono descritte nel testo delle “dieci righe”, pensate per favorire un dialogo con tutti coloro che a vario titolo partecipano alla GNCA:
 «La crisi continua a cambiare la vita di molte persone. L’unica possibilità è sopravvivere, sperando che tutto prima o poipassi? Perché riproporre proprio oggi la Colletta Alimentare? Che novità ci attendiamo? Anche dentro le difficoltà, io esisto e non mi sto dando la vita da solo, sono fatto e voluto in questo istante da Dio: questo, come disse don Giussani, “è il tempo della persona”. Solo la riscoperta di questo rapporto originario permette di vivere ogni cosa da uomini: perché tutto è occasione per incontrare Chi mi sta dando la vita ora. Questa è la novità che attendiamo: poterLo incontrare ancora. Per questo ti invitiamo a partecipare insieme alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare: fare la spesa per chi ha più bisogno».

Invitiamo pertanto tutti a donare: Olio – Alimenti per l’infanzia – Scatolame (pesce, carne, legumi, pelati e sughi) per aiutare oltre 8.600 strutture caritative che accolgono 1.700.000 poveri in Italia, di cui 100 strutture per 21000 persone delle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata (oltre ad alcuni comuni della Val Vibrata) dipendono dal magazzino di San Benedetto del Tronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *