Settima Rassegna di Produttori del “Vino Santo di Ripatransone”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RIPATRANSONE – A Ripatransone, presso la nuova sede del Museo della Civiltà Contadina ed Artigiana in Via Cuprense, dalle ore 19 alle ore 22 di sabato 17 novembre, si sono svolti i “momenti” della “serata sammartiniana”, programmata dal comitato di gestione del Museo. Essendo stato diramato pure ai famigliari e agli amici dei soci l’invito, sono stati circa 100 i partecipanti, fra i quali erano presenti forestieri ed amministratori comunali, quali: il vice sindaco Alessandro Lucciarini De Vincenzi, l’assessore Roberto Pasquali, il consigliere Paolo Polidori e Barbara Bassetti. Il primo a prendere la parola è stato il presidente del Comitato di gestione Nazzareno Vespasiani, che ha salutato autorità e presenti, congratulandosi per la consistenza numerica, ed ha annunciato i vari “momenti” della serata. E’ seguito il saluto del sindaco Prof. Remo Bruni, che ha affermato di partecipare sempre volentieri a tali iniziative, perché a lui piacciono molto le tradizioni.

Quindi, per le “Storie di Uomini e di Vini”, il presidente ha invitato il produttore vitivinicolo Giovanni Vagnoni, per illustrare l’esperienza della propria azienda agricola chiamata “le Caniette”; il signor Vagnoni ha ricordato che la sua è un’azienda “storica”, poiché anche suo nonno produceva vino; ha aggiunto che da circa venti anni produce vino santo, che nel 2001 è stato inserito tra i vini D.O.C. Offida, e che di recente è stato inserito tra i grandi vini santi italiani; ha concluso dicendo che l’obiettivo della sua azienda è quello di far conoscere i vini ripani ad una clientela sempre più internazionale.

La Settima Rassegna di Piccoli Produttori del “Vino Santo di Ripatransone” è stata introdotta dal sommelier Antonio Giangrossi, che ha ricordato l’uso del vino santo nel passato. I produttori presenti: Gino Pignotti, Domenico Capecci, Giuseppe De Angelis, Vincenzo Pulcini, Pasquale Zazzetta, Giovanni Chiappini, Giovanni Cherri, Attilio Michelangeli, Pietro Pasquali, Luciano Crescenzi, Museo della Civiltà Contadina ed Artigiana. Una giuria nominata “in loco”, composta da alcuni produttori e da qualche esperto del settore, ha compilato una graduatoria di merito, nella quale si sono piazzati ai primi posti: 1° Giuseppe De Angelis, 2° Pietro Pasquali, 3° Attilio Michelangeli.

Alcuni soci hanno portato anche una campionatura dell’olio nuovo da loro stessi prodotto; ecco i loro nomi: Gabriele Talamonti, Pacifico Piunti, Gino Pignotti, Giuseppe De Angelis, Pietro Pasquali, Giuseppe Vagnoni, Luciano Crescenzi, Tonino Vagnoni. Come ultimo “momento” della serata, è stata servita un’abbondante e gustosa cena con specialità autunnali e con la degustazione, come antipasto, dell’olio nuovo accompagnato da pane fresco. Durante la cena si sono esibiti i soci: Armellino Recchi (stornelli e poesie) e Giovanni Campanelli (organetto e fisarmonica).

I soci e le socie che hanno preparato la cena sono stati: Emanuela Consorti, Giuseppina Ceccarelli, Alida Iobbi, Maria Traini, Angela Lanciotti, Giuseppe Vagnoni, Tonino Vagnoni, Antonietta Piergallini, Adamo Croci, Franco Ricci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *