Mobilità sostenibile, oltre 300 risposte al questionario

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Sono stati oltre 300 i questionari compilati online sulle abitudini di mobilità dei cittadini nel territorio sambenedettese. Il Comune di San Benedetto del Tronto ha infatti chiesto circa un mese fa la partecipazione dei cittadini per la raccolta di informazioni e suggerimenti utili alla redazione di un nuovo piano d’azione per la mobilità urbana che sarà sviluppato nell’ambito del progetto QUEST, a cui l’Ente aderisce.

QUEST è un progetto finanziato dalla Commissione Europea e volto a supportare la città nel compiere progressi concreti per rendere più sostenibile il trasporto urbano ( http://www.quest-project.eu/ ).

Le indicazioni emerse dalle risposte pervenute saranno uno degli spunti di discussione della due giorni di incontri di valutazione delle politiche di mobilità sostenibile in programma nel Municipio di San Benedetto nei pomeriggi dei giorni 19 e 20 novembre.

Ad essere coinvolto nella discussione sarà un gruppo di portatori d’interesse che saranno chiamati a rilevare punti di forza e di debolezza su alcuni temi inerenti mobilità ciclabile, pedonale e trasporto pubblico, a definire gli obiettivi della mobilità sostenibile e ragionare su azioni e misure possibili per migliorare la mobilità urbana.

Il gruppo sarà composto da Luca Spadoni, assessore alla mobilità, e Paolo Canducci, assessore all’ambiente e alla Pianificazione urbanistica, dai tecnici comunali dei settori Polizia Municipale, Qualità Urbana e Pianificazione urbanistica, dai rappresentanti di Start S.p.A. (gestore del trasporto pubblico locale), Azienda MultiserviziS.p.A., delle Associazione Tassisti Sambenedettesi “A.T.I.S.” e “L.A.T.A.S.”, delle associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Confindustria turismo, del Consorzio turistico “Riviera delle Palme”, di Cittadinanza attiva, di Codacons, dei tre Istituti Scolastici Comprensivi sud, centro e nord, di Legambiente e dei Comitati di quartiere cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *