L’ Adriatica Bitumi S. Benedetto perde sul difficile campo della capolista Pedaso

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolta Sabato 10 novembre la partita tra S. Benedetto e Pedaso in un match elettrizzante dove le squadre hanno messo in scena un’entusiasmante partita conclusasi solo nell’ultima frazione.

Rimane prima in classifica la squadra pedasina allenata da Camarri che quest’anno ha allestito un roster competitivo che vede in Manfrini (classe 83), Di Angilla (classe 85) e Domesi (classe 83) le punte di diamante di un sistema offensivo che apparentemente non fatica a trovare il canestro visto i risultati.

San Benedetto invece si presenta con i giovani Camerano (classe 89), Cameli (classe 91), Bruni (classe 91), De Angelis (classe 94) , Roncarolo (classe 94)e con una panchina di età media equivalente a 16 anni proprio ad evidenziare i diversi obiettivi delle due società.

Il match inizia subito forte con entrambe le squadre che trovano sia canestri da sotto che nell’arco dei 3 punti; i sambenedettesi vanno a segno con Bruni e Camerano, i pedasini si affidano al trio Domesi, Di Angilla e Manfrini. Il primo quarto si chiude 18-15 a favore della squadra di casa.

La seconda frazione continua nel segno Di Angilla che con 6 punti consecutivi apre un break che porta la squadra di Camarri sul +10. Per i rossoblù da sottolineare la difesa collettiva che riesce ad arginare le conclusioni dei padroni di casa e a mantenere l’equilibrio nelle due formazioni, l’attacco invece sbaglia qualche scelta di troppo e non riesce a trovare l’affondo decisivo; l’inerzia della partita cambia proprio per le palle perse in attacco, dovute all’inesperienza, e i successivi contropiedi avversari. Si va’ al riposo sul + 10 in favore della squadra di casa.

Negli spogliatoi coach Camarri urla ai suoi pretendendo qualcosa di più per una squadra che punta a vincere il campionato. Mentre nello spogliatoio rossoblù Valori carica i suoi che al rientro in campo cercano

in tutti i modi di risalire la china trovando canestri importanti con l’asse Camerano, Bruni e Cameli e rimanendo con la testa nella partita. Il tabellone dice 49 – 41 per i biancorossi.

L’ultimo quarto di gioco diventa decisivo ed entrambe le squadre gettano nella mischia i quintetti titolari; nei primi minuti S. Benedetto cerca di ricucire il distacco, i pedasini trovano vere boccate di ossigeno con i canestri di Prosperi e Vallesi. I Sambenedettesi però riducono lo strappo fino al -5, grazie anche ai rimbalzi di Roncarolo (classe 94), ma i rossoblù non hanno più l’apporto decisivo in attacco permettendo ai padroni di casa di prendere il largo. Gli ultimi 2 minuti di gioco servono solo a sancire la vittoria per la corazzata Pedasina.

Nonostante la sconfitta si è vista una Samb in grado di tenere bene il campo nonostante l’età media della squadra (18 anni) oltre ai “soliti” Cameli, Camerano e Bruni che forniscono sempre prestazioni eccellenti le note positive sono Roncarolo (8 punti, 15 rimbalzi di cui 7 in attacco), De Angelis e un po’ tutto il collettivo che pian piano sta’ trovando fiducia nei propri mezzi.

Veder giocare una Samb così rende sicuramente la sconfitta meno amara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *