Benedetto XVI, L’inscindibile legame

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

VATICANO – C’è un’“unità inscindibile tra fede e carità, come pure tra l’amore di Dio e l’amore del prossimo”. Lo ha ricordato, stamattina, Benedetto XVI prima di guidare la recita dell’Angelus con i fedeli convenuti in piazza San Pietro.

Le due vedove. “La liturgia della Parola di questa domenica ci presenta come modelli di fede le figure di due vedove. Ce le presenta in parallelo: una nel Primo Libro dei Re, l’altra nel Vangelo di Marco. Entrambe queste donne sono molto povere, e proprio in tale loro condizione dimostrano una grande fede in Dio”, ha sottolineato il Papa. La prima “compare nel ciclo dei racconti sul profeta Elia. Costui, durante un tempo di carestia, riceve dal Signore l’ordine di recarsi nei pressi di Sidone, dunque fuori d’Israele, in territorio pagano. Là incontra questa vedova e le chiede dell’acqua da bere e un po’ di pane. La donna replica che le resta solo un pugno di farina e un goccio d’olio, ma, poiché il profeta insiste e le promette che, se lo ascolterà, farina e olio non mancheranno, lo esaudisce e viene ricompensata”. La vedova del Vangelo “viene notata da Gesù nel tempio di Gerusalemme, precisamente presso il tesoro, dove la gente metteva le offerte. Gesù vede che questa donna getta nel tesoro due monetine; allora chiama i discepoli e spiega che il suo obolo è maggiore di quello dei ricchi, perché, mentre questi danno del loro superfluo, la vedova ha offerto ‘tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere’”.

Il peso dei cuori. Da questi due episodi biblici, sapientemente accostati, ha evidenziato il Pontefice, “si può ricavare un prezioso insegnamento sulla fede. Essa appare come l’atteggiamento interiore di chi fonda la propria vita su Dio, sulla sua Parola, e confida totalmente in Lui”. Quella della vedova, nell’antichità, ha fatto notare il Santo Padre, “costituiva di per sé una condizione di grave bisogno. Per questo, nella Bibbia, le vedove e gli orfani sono persone di cui Dio si prende cura in modo speciale: hanno perso l’appoggio terreno, ma Dio rimane il loro sposo, il loro genitore. Tuttavia la Scrittura dice che la condizione oggettiva di bisogno, in questo caso il fatto di essere vedova, non è sufficiente: Dio chiede sempre la nostra libera adesione di fede, che si esprime nell’amore per Lui e per il prossimo”. In realtà, “nessuno è così povero da non poter donare qualcosa. E infatti entrambe le nostre vedove di oggi dimostrano la loro fede compiendo un gesto di carità: l’una verso il profeta e l’altra facendo l’elemosina”. Così “attestano l’unità inscindibile tra fede e carità, come pure tra l’amore di Dio e l’amore del prossimo – come ci ricordava il Vangelo di domenica scorsa”. Benedetto XVI ha, quindi, richiamato il Papa San Leone Magno, di cui ieri è stata celebrata la memoria, che così affermava: “Sulla bilancia della giustizia divina non si pesa la quantità dei doni, bensì il peso dei cuori. La vedova del Vangelo depositò nel tesoro del tempio due spiccioli e superò i doni di tutti i ricchi. Nessun gesto di bontà è privo di senso davanti a Dio, nessuna misericordia resta senza frutto”. La Vergine Maria, ha osservato il Papa, “è esempio perfetto di chi offre tutto se stesso confidando in Dio; con questa fede ella disse all’Angelo il suo ‘Eccomi’ e accolse la volontà del Signore. Maria aiuti anche ciascuno di noi, in questo Anno della fede, a rafforzare la fiducia in Dio e nella sua Parola”.

Una nuova beata e la Giornata del ringraziamento. Ieri, ha ricordato il Pontefice dopo l’Angelus, a Spoleto, è stata proclamata Beata Maria Luisa Prosperi, vissuta nella prima metà del secolo XIX, monaca e abbadessa del monastero benedettino di Trevi. “Insieme con tutta la Famiglia benedettina e la comunità diocesana di Spoleto-Norcia – ha affermato -, rendiamo lode al Signore per questa sua figlia, che ha voluto associare in modo singolare alla Passione di Cristo”. Poi il Santo Padre ha rammentato che “si celebra oggi in Italia la ‘Giornata del Ringraziamento’. Nel contesto dell’Anno della fede, il tema della Giornata – ‘Confida nel Signore e fa’ il bene: abiterai la terra’ – richiama la necessità di uno stile di vita radicato nella fede, per riconoscere con animo grato la mano creatrice e provvidente di Dio che nutre i suoi figli”. Poi ha rivolto “un saluto e un augurio a tutti gli agricoltori!”.

Saluti in varie lingue. Nei saluti in varie lingue, Benedetto XVI in francese ha dichiarato: “Spesso, noi ci lasciamo impressionare e condizionare dalle apparenze e dai slogan che distorcono le cose. Cerchiamo di guardare, al di là delle apparenze, la scintilla di bontà che è stata depositata in noi potrà fare chiarezza sul nostro giudizio. In questo modo il nostro rapporto con Dio e con gli altri sarà più vero e le nostre scelte più libere. L’umiltà ci insegna che valiamo per quello che siamo davanti a Dio”. Poi ha salutato i polacchi e in modo particolare il gruppo di pellegrini provenienti dalla Bulgaria. “La Festa dell’Indipendenza che oggi si celebra in Polonia – ha sostenuto – ricorda la fede dei vostri padri, la storia, la forza dello spirito delle recenti generazioni. Su questo fondamento edificate la prosperità della vostra Patria. Oggi inoltre sostengo le vostre preghiere che – per iniziativa dell’Associazione Aiuto alla Chiesa che Soffre – offrite per i cristiani in Egitto, in occasione della Giornata della solidarietà con la Chiesa perseguitata”. Infine, ha salutato i partecipanti al convegno sul Padre Teilhard de Chardin, tenutosi in questi giorni all’Università Gregoriana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *