Archeologia, una grande convegno in arrivo a Cupra Marittima

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
foto: www.musei.marche.it

CUPRA MARITTIMA – Il Comune di Cupra Marittima, con il patrocinio di Regione Marche, Provincia di Ascoli Piceno, Provincia di Fermo, Provincia di Macerata, la società Arcus Spa di Roma, presenta il Convegno Conclusivo sulla Campagna di Scavo 2011/2011. L’evento, intitolato “Tra terra e mare, tra natura e cultura”, si svolgerà dal 23 al 25 novembre e comprenderà tanti interessanti eventi, aperti a tutti. Ecco qualche dettaglio. Venerdì 23 novembre presso il Ristorante “Parco sul Mare” a partire dalle ore 9.30 si svolgerà la presentazione delle giornate, interverranno poi Ettore Pietrabissa Direttore ARCUS SpA, Mario Pagano, Soprintendente ai Beni Archeologici dell’Umbria e Marche, la professoressa Francesca Ghedini, la professoressa Elena Di Filippo Balestrazzi, curatrice degli scavi. Si faranno inoltre riferimenti agli scavi passati, sempre effettuati con Arcus, ma dal 2005 al 2007, per questo interverranno i professori Patrizia Fortini, Mauro Coltorti, Verger, Aurelio Manzi. Al termine si visiterà il laboratorio degli scavi, poi ci si recherà al Parco e si visiterà gli scavi. Importante sarà inoltre la Presentazione della Carta Archeologica e Data base da parte di Alberto Vignoni e Matteo Annibaletto. Per l’occasione saranno presenti anche la rappresentante della Soprintendenza Archeologica delle Marche Nicoletta Frapiccini, l’archeologa che ha lavorato al Parco Archeologico Mara Miritello, gli architetti Mario Balestrazzi e Nicolino Calvaresi che hanno collaborato al progetto. Sabato 24 invece si potrà assistere alle relazioni sull’archeologia da esperti del settore, e poi una visita al Museo Archeologico del Territorio. Infine il 25 novembre, nella mattinata, ore 10,00 si svolgerà la Tavola Rotonda dei membri del Comitato scientifico. Il programma è ancora in via di definizione, ma si preannunzia un appuntamento da non perdere, non solo per gli appassionati di archeologia, ma per tutti i cittadini che desiderano conoscere la storia del proprio paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *