La strategia della Regione per i pesantissimi tagli anche sulla sanità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – La Giunta regionale ha approvato le direttive vincolanti per il sistema sanitario regionale per l’immediata applicazione della spending review nazionale che prevede per le Marche tagli di -180 milioni di euro e di ulteriori -310 posti letto.

“La pesantissima spending review nazionale va applicata – afferma l’assessore alla Salute Almerino Mezzolani – ma non con tagli lineari, bensì agendo sulla crescita qualificata e appropriata del sistema sanitario in tutto il territorio regionale, tagliando la burocrazia, rafforzando i servizi sanitari specializzati in rete: questa è la strategia che abbiamo definito con l’atto approvato oggi dalla Giunta regionale, che costituisce l’immediato avvio dell’operatività delle misure nazionali. Abbiamo bisogno di responsabilità e condivisione per affrontare uno scenario che altrimenti mette a rischio la stessa sopravvivenza del sistema sanitario regionale. Ora, infatti, la spending review nazionale si abbatte su di noi come un ciclone: nel 2013 sono previsti tagli di -180 milioni di euro e la riduzione di ulteriori -310 posti letto che porta il taglio complessivo a -469 posti letto. L’atto approvato avvia le manovre strutturali per attuare tali previsioni, ma con la messa in rete dei servizi, ricorrendo all’adozione di criteri di appropriatezza e qualità e definendo i tre livelli del sistema socio-sanitario regionale:
-la rete dell’alta specialità;
-la rete ospedaliera di integrazione clinica per le acuzie;
-la rete territoriale socio-sanitaria per post-acuzie, sub-acuzie e fragilità.

Le Marche, infatti, sono rimaste una delle pochissime  Regioni virtuose in Italia in termini sia di qualità dei servizi che di equilibrio dei conti: vogliamo mantenere tali risultati di eccellenza.

L’atto approvato è una risposta di qualità, una “via marchigiana” all’applicazione delle spending review nazionale: nelle Marche la salute è ancora un diritto e vogliamo che nessun cittadino resti solo. Non possiamo sottrarci allo sforzo di risanamento nazionale  ma vogliamo applicare le misure nazionali rigettando la logica dei tagli lineari, compiendo un ulteriore salto di qualità nella strategia regionale, agendo su appropriatezza, qualificazione, specializzazione in rete, taglio delle rendite di posizione e dei costi della burocrazia. Il Governo regionale conferma così il suo impegno verso i cittadini ed avvia una riforma per assicurare servizi adeguati e appropriati, per salvaguardare e qualificare il diritto alla salute in tutti i territori delle Marche.”

L’atto approvato dalla Giunta regionale costituisce l’avvio immediato del percorso di budget e delle azioni di attuazione della spending review nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *