Individuate e denunciate alle autorità giudiziarie di Ascoli e Fermo tre gruppi che hanno compiuto diversi furti in abitazione, nelle province di Fermo, Ascoli Piceno e Teramo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Materiale recuperato

PROVINCIA – Individuate e denunciate alle autorità giudiziarie di Ascoli e Fermo tre gruppi che hanno compiuto diversi furti in abitazione, nelle provincie di Fermo, Ascoli Piceno e Teramo tutti nativi dell’Albania.

Dalla questura ci informano che: “Il primo gruppo, è stato intercettato la sera del 31 ottobre 2011, quando T. A., venne tratto in arresto dalla Polizia Stradale e dalla Squadra Mobile di Ascoli Piceno, a seguito di alcuni furti perpetrati in alcune abitazioni della provincia fermana.  Da lì sono partite le indagini di questa Squadra Mobile per addivenire all’identificazione dei suoi complici, fatte attraverso analisi di tabulati telefonici, esami di filmati estrapolati da videocamere di sorveglianza, accertamenti e riscontri di polizia, esami testimoniali, perquisizioni domiciliari, consultazione di dati censiti negli archivi magnetici in uso alle Forze dell’Ordine. Le risultanze investigative hanno consentito a questo ufficio di denunciare all’Autorità Giudiziaria i due complici: K. G., in passato denunciato in quanto facente parte di un sodalizio dedito alla commissione di furti in abitazione, nel 2008 sottoposto a fermo di p.g. in concorso per  ricettazione, falsificazione di documenti, favoreggiamento nell’ingresso di clandestini nel territorio nazionale, trovato in possesso di un’autovettura rubata da un’abitazione nella medesima notte, nel 2010 denunciato per evasione dagli arresti domiciliari. D. I., arrestato nel 2010 in quanto non aveva ottemperato al decreto di espulsione, nel 2012 arrestato per il  possesso ai fini di spaccio di 210 gr. di sostanza stupefacente del tipo  cocaina.

Nei giorni tra il 16 ed il 21 ottobre 2011 vi furono diversi furti in abitazione tra Ascoli e Teramo.

Un furto venne commesso a Grottazzolina (FM) presso un’abitazione In quella zona, peraltro distante solo 6,78 Km da Ponzano di Fermo, ove i ladri erano stati costretti alla fuga a piedi, e dove era stata asportata dal garage di un’altra casa un’autovettura Toyota Yaris.

Gli stessi soggetti consumarono un furto presso una casa di Mozzano con un Audi A3 rubata due giorni prima nel viterbese, abbandonata nel comune di Ponzano di Fermo, dopo un tentativo di furto in abitazione.

Analizzando i dati di traffico telefonico prodotto nei giorni seguenti, attraverso la posizione delle celle telefoniche agganciate nel corso dei vari contatti telefonici (conversazioni o sms) è stato possibile accertare, ovviamente tenendo presente l’orario in cui tali contatti erano stati registrati, la compatibilità della presenza degli apparati telefonici “indagati” nelle zone ove erano stati consumati furti in abitazione.

I ladri, nel tardo pomeriggio del 20 ottobre, consumavano dapprima tre furti nel territorio di Folignano (AP), ed in uno di questi riuscivano anche ad impossessarsi di 1 autovettura Audi A5 che veniva poi rinvenuta il successivo 10 novembre parcheggiata in una via della città di Latina. In quella circostanza gli indagati si erano anche impossessati della chiave di 1 Opel Astra e qualche giorno prima avevano rubato 1 Audi A5, sempre da quel paese, per poi ritornarvi al fine di prelevare l’Opel suddetta. Approfittando probabilmente della SS 81 “Piceno Aprutina”, il gruppo si dirigevano nella confinante provincia teramana ove mettevano a segno diversi furti in abitazioni di quella zona. In occasione di quello messo in atto presso 1 casa di Campli (TE) dei testimoni avevano notato tre ragazzi allontanarsi a bordo della Toyota Yaris, asportata una settimana prima. Il veicolo sarà poi verrà rinvenuto ad Ascoli Piceno in questa via De Dominicis il successivo 17 novembre 2011. In occasione del furto presso 1 appartamento di Notaresco (TE)  veniva asportato anche un fuoristrada, Mitsubishi Pajero rinvenuto la stessa mattina parcheggiato lungola SS81 “Piceno Aprutina” all’altezza della F.ne Villa Passo del comune di Civitella del Tronto (TE).

Il secondo gruppo è stato individuato la sera del 7 novembre 2011 a seguito dei quotidiani servizi di controllo del territorio volti a contrastare il fenomeno, crescente in quei mesi, dei furti in abitazione nelle 2 province, fatti in borghese da personale della Squadra Mobile e di tutti gli uffici della Questura e dei Commissariati di Fermo e di S. Benedetto del Tronto, coordinati dal Dirigente della Squadra Mobile.

Intorno alle ore 19 una pattuglia della Squadra Mobile in territorio di Offida (AP), incrociava una vettura Toyota Avensis, oggetto di furto consumato il precedente 01.11.2011 a Torre San Patrizio (FM), con a bordo una sola persona alla guida. Il mezzo in questione era stato precedentemente segnalato come utilizzato per la fuga in occasione di furti consumati in questa provincia ed in quelle limitrofe e proprio alle ore 17:55 precedenti, un’autovettura della stessa marca, modello e colore, era stata notata allontanarsi da una abitazione di Grottammare (AP) ove due individui avevano tentato di perpetrare un furto. Ne nasceva un inseguimento che terminava con il volontario speronamento dell’autovettura di servizio da parte del guidatore della Toyota Avensis, al fine di guadagnare la fuga.

Il soggetto, braccato dall’arrivo delle altre pattuglie chiamate in ausilio, abbandonava l’auto, al cui interno poi venivano rinvenuti degli attrezzi atti allo scasso e dei gioielli rubati, dandosi alla fuga per i campi, aiutato dal sopraggiungere del buio. Qualche ora dopo i fatti, il fuggitivo e gli altri due compari, i quali, mentre il primo guidava da solo, erano intenti a fare un furto in una casa della zona, raggiungevano separatamente il vicino Comune di Montalto delle Marche, tentando di asportare in quella C.da Maliscia, 46, una Lancia Y10 e successivamente riuscendo a rubare una una Fiat Marengo a Montalto Marche ed una Fiat 600 nel Comune di Cossignano.

Le successive indagini avviate dalla Squadra Mobile, consentivano di  recuperare una autovettura Renault Clio, compendio di furto da parte dei 3, con all’interno materiale atto allo scasso, tra cui un piede di porco ed una torcia e di individuare due dei ladri: L. A. denunciato all’A.G. per aver, in concorso con altre persone allo stato non identificate, commesso un furto all’interno di 1 abitazione di Cossignano (AP), asportando preziosi vari nonchè l’autovettura Renault Clio, rinvenuta a pochi chilometri di distanza, per l’esattezza in C.da Magnola, dell’attiguo comune di Ripatransone, ove i complici del L. l’avevano abbandonata perché inseguiti da personale della Squadra Mobile e dove gli stessi avevano fatto perdere le proprie tracce gettandosi, letteralmente, nella campagna sottostante e G. E.

Il terzo gruppo composto, a vario titolo, da 5 cittadini albanesi, si è reso responsabile di una serie di furti in abitazioni, almeno 17 quelli riscontrati, avvenuti nella provincia di Fermo (Montefiore dell’Aso – Campofilone – Monterubbiano), di Ascoli Piceno (Ascoli città – S. Benedetto del Tronto – Spinetoli – Monsampolo del Tronto – Carassai – – Roccafluvione) e di Teramo (Mosciano S. Angelo – S. Omero – Giulianova – Tortoreto – Martinsicuro), dal 24 al 30 dicembre 2011, tutti eseguiti con le stesse modalità (forzatura finestra o tecnica del foro)

Le posizioni di questi soggetti, tra cui uno ricercato in quanto destinatario di una misura restrittiva in carcere proveniente dal tribunale di Firenze, sono al vaglio della locale A.G., per cui non vengono diffuse neanche le iniziali dei nominativi.

Tre di loro sono stati denunciati, oltre che per furto aggravato e ricettazione,  anche per aver tentato di investire un agente della squadra mobile in una circostanza in cui erano stati casualmente intercettati nei pressi di Ascoli città.

A seguito di una perquisizione domiciliare effettuata da personale della Squadra Mobile venivano rinvenuti computers portatili, borse di marca, preziosi, somme di denaro, per un valore di 47.500,00  €uro circa, nonché le chiavi di 1 auto   Lancia Y, rinvenuta all’interno di 1 Citroen C3, abbandonata  a Spinetoli“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *