Due arresti per spaccio di eroina

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile  della compagnia di San Benedetto del Tronto, al comando del Tenente Saverio Loiacono e coordinati dal capitano Giancarlo Vaccarini, hanno tratto in arresto per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, una coppia: M.N., 28enne e E.G., 24enne,  sorpresi nel primo pomeriggio di ieri 17 ottobre  in via toscana nell’atto di cedere circa un grammo di eroina, suddivisa in dosi, ad un 25enne, tossicodipendente di questo centro.

Le successsive perquisizioni consentivano di rinvenire, nella disponibilità degli arrestati, ulteriori quattro grammi di eroina, sostanza da taglio e una somma contante ritenuta provento dell’attivita’ di spaccio, tutto sequestrato.

Gli arrestati, custoditi presso le camere di sicurezza di questo comando, verranno poi condotti al cospetto del giudice presso la sede distaccata di San Benedetto del Tronto del tribunale di Ascoli Piceno, per la convalida dell’arresto ed il rito direttissimo.

L’acquirente e’ stato segnalato alla prefettura di Ascoli Piceno quale assuntore di stupefacenti, con le conseguenze amministrative previste, che vanno dalla sospensione della patente di guida ad altre prescrizioni limitative della liberta’ di movimento e di frequentazione.

Il comando dei carabinieri inoltre ci informa che: “Questa ennesima operazione di contrasto al dilagante fenomeno dello spaccio di stupefacenti, fornisce la conferma che la domanda di eroina (come quella di cocaina e marijuana, d’altronde) e’ costantemente in crescita e che lo spaccio di tale sostanza per cio’ che concerne la vendita “”alll’ingrosso””, nel litorale abruzzese e marchigiano, rimane quasi totale appannaggio di trafficanti nordafricani, mentre il mercato dello spaccio al minuto vede sempre piu’ spesso cimentarsi nella illecita attivita’, improvvisati spacciatori, spesso essi stessi assuntori di stupefacenti.

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare la rete di fiancheggiatori ed assuntori di stupefacenti, che si ritiene non limitata al litorale sambenedettese, ma, piu’ probabilmente, anche ai limitrofi centri di Grottammare e Cupra Marittima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *