Elio Core chiede maggiore cura della Stazione di Porto D’Ascoli

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO Elio Core presidente del comitato di quartiere Porto d’Ascoli Centro, torna a scrivere e questa volta indirizza le sue segnalazioni al Prefetto di Ascoli Piceno e al direttore della rete ferroviaria italiana di Ancona.
Di seguito la lettera inviata.
inoltre la lettera del presidente del comitato di quartiere ha ottenuto l’appoggio del consigliere regionale Dino Latini che ha presentato un interrogazione in merito al consiglio regionale.

Egregio Sig. Prefetto,
nella qualità di Presidente del Comitato di quartiere di Porto D’Ascoli Centro, le scrivo in nome e per conto dei cittadini che esprimono vibrate  proteste e  forte dissenso per l’incuria e l’abbandono in cui versa la Stazione Ferroviaria di Porto D’Ascoli, importante nodo Ferroviario del territorio Piceno.
La Stazione è molto frequentata soprattutto nelle ore diurne, particolarmente al mattino, quando pendolari, studenti e turisti usufruiscono di tale servizio. Ho voluto verificare personalmente e le assicuro che lo scenario che si è presentato al mio cospetto è davvero impressionante. 

Presenza  di siringhe sul pavimento usate da tossici, escrementi umani davanti ai servizi igienici chiusi, sporcizia in ogni angolo, ratti che girano nei dintorni del piazzale in cerca di cibo. Durante le ore notturne si riscontra la presenza di persone e barboni che dormono all’interno della ferrovia (nota della redazione alla fine dell’articolo n.d.r.), nei sottopassi e sulle panchine dei locali interni, fenomeno che si accentua ulteriormente con il periodo invernale.

Uno spettacolo da terzo mondo certamente non degno di una cittadina che peraltro vive essenzialmente di turismo, proiettando così un triste spettacolo ed una pessima immagine della Riviera delle Palme.

A tutto ciò si aggiunge il dramma dei servizi igienici chiusi da molto tempo che non trovano spiegazioni, in ragione di una moltitudine di persone che frequentano tale struttura. I cittadini riferiscono che elementari bisogni fisiologici vengono espletati sul pavimento del sottopasso o lungo i muri, emanando in tal modo odori nauseabondi che necessitano di una disinfestazione onde evitare problemi sanitari..

Durante le ore notturne l’illuminazione è scadente e ciò favorisce azioni delinquenziali che imbrattono muri ed altro.

Per quanto sopra esposto, al fine di evitare le proteste dei cittadini e danni all’immagine della nostra città, le chiedo di intervenire, attraverso i poteri che le sono conferiti dalla legge, ponendo  in essere azioni atte a risolvere il problema, quali la immediata riapertura dei servizi igienici, una maggiore illuminazione e quanto necessita per ristabilire il senso del decoro e di civiltà per i cittadini e per gli utenti fruitori del servizio.

Certo di un suo solerte e deciso intervento, mi pregio inviarle distinti saluti.

Nota della Redazione
Per quanto riguarda le persone che dormono nella stazione bisognerebbe sempre ricordarsi che sono esseri umani e che per questo dietro ad ogni persona c’è un nome, una storia e un volto con esperienze emozioni e sentimenti e che non si possono considerare come oggetti da spostare da un altra parte. La situazione andrebbe affrontata, se già non lo si è fatto con i servizi sociali, in merito chiederemo delucidazioni all’Assessore di competenza. Per la nostra Diocesi ci sono diverse strutture di accoglienza, come la caritas, che grazie alla passione di tanti volontari assitono persone nel bisogno, assicurando un pasto caldo al giorno e non solo

2 thoughts on “Elio Core chiede maggiore cura della Stazione di Porto D’Ascoli

  • 2 ottobre 2012 at 07:12
    Permalink

    Sono pienamente daccordo con quanto esposto dal nostro Presidente di quartiere Elio Core. La nostra stazione,senza usare mezzi termini FA SCHIFO e sarebbe ora che chi di dovere facesse qualcosa di serio.Noi che abitiamo vicino alla stazione abbiamo paura di uscire la sera,per motivi già esposti dal Presidente.Anche se tanti promettono non ci crediamo più,l’importante per loro è la poltrona e non si possono alzare perchè prima l’hanno sprsa di colla.
    Franco Di Salvatore

    Reply
  • 2 ottobre 2012 at 15:43
    Permalink

    Caro Franco, moltissimi cittadini hanno fatto pervenire a questa presidenza lamentele e proteste circa la situazione della Stazione; una situazione incredibile in un mondo moderno e di avanzata tecnologia. Di notte, come hai evidenziato, è diventato pericoloso passeggiare nelle vicinanze per la presenza di balordi. Assistiamo a furti di biciclette, motorini, a vetri rotti, siringhe repertate e documentate dai giornalisti.Occorre con urgenza riaprire i servizi igienici, pulire a fondo i locali, estirpare le erbacce presenti, rendere più ospitale un servizio pubblico che gli utenti pagano profumatamente, necessita di maggiori controlli ed illuminazione. Fra poco il piazzale verrà abbellito attraverso lavori di ristrutturazione posti in essere dal Comune e mi chiedo come è pensabile continuare a rendere un servizio senza avere neanche la possibilità di un servizio igienico. Questo è davvero incredibile. Neanche nel terzo mondo accadono simili cose. L’Ente preposto ad intervenire è
    la rete Ferroviaria della Regione Marche.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *