Al via il progetto New Green Generation

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Rispettare, risparmiare e riciclare: sono queste le tre parole chiave le cosiddette 3R del progetto “New Green Generation” promosso dalla Provincia di Ascoli Piceno con altri partner istituzionali e destinato a ragazzi di età compresa fra i 16 e 21 anni per diffondere tra le giovani generazioni la cultura della tutela dell’ambiente e l’attuazione concreta di buone prassi.

Il progetto, che vede capofila la Provincia di Matera in collaborazione con le Province di Ascoli e di Foggia e vari enti e Comuni, verrà presentato giovedì 27 settembre, alle ore 11, presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico per Geometri “Pericle Fazzini” di Grottammare. Dopo i saluti del Presidente della Provincia Piero Celani e del Dirigente Scolastico dell’ITG Rosanna Moretti, il Dirigente del Servizio Ambiente e Trasporti della Provincia dott. Giuseppe Serafini presenterà l’iniziativa che vede tra i suoi aspetti più interessanti un corso di ecodrive per insegnare ai giovani già patentati come ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 durante la guida. Quindi studiosi ed esperti tratterranno vari aspetti delle problematiche ambientali, del riciclo dei rifiuti e del risparmio energetico. Sono infatti previsti gli interventi di Giorgio Marini, dottore forestale del Centro Educazione Ambientale, Gianluca Rospi, docente di fisica applicata all’architettura presso l’Università degli Studi della Basilicata e Daniele Cecili, ingegnere responsabile dell’impianto di compostaggio di Ascoli Piceno. Concluderà i lavori l’Assessore Provinciale ai Trasporti Filippo Olivieri.

“L’obiettivo principale del progetto è di diffondere tra i giovani, che rappresentano la società del domani, stili di vita coerenti con lo sviluppo sostenibile – evidenziano il Presidente Celani e l’Assessore Olivieri – tutto ciò anche con piccoli gesti concreti quotidiani come evitare lo spreco dell’acqua, utilizzare elettrodomestici nella fascia serale e spegnere pc e tv quando si finisce di utilizzarli. Occorre gradualmente – aggiungo i due amministratori – contribuire alla formazione di una nuova generazione testimone di comportamenti “green” verso l’ambiente ma anche verso l’economia e la società”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *