343 Pellegrini della Diocesi verso Lourdes

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – 343 pellegrini della nostra Diocesi si stanno preparando per il viaggio che li porterà a Lourdes.

Anche l’Ancora seguirà da vicino il pellegrinaggio e aggiornerà giornalmente le notizie da Lourdes per far vivere in maniera indiretta ma da vicino quanti non sono potuti partire, quanti vogliano seguire i propri cari e quanti magari vogliono vedere più da vicino la città di Maria.
Vogliamo precisare per chiarezze, che il viaggio è stato pagato con i mezzi privati (non è stato sostenuto dalla redazione).

Il viaggio avrà inizio lunedì 24 settembre alle ore 15.00 dalla stazione di San Benedetto del Tronto e si arriverà a Lourdes il giorno seguente verso le ore 17.00

Il Vescovo ha incontrato tutti i pellegrini presso il Bianco Azzurro (struttura vicino all’ITC di porto d’ascoli e al campo di atletica, sede dell’Unitalsi) di San Benedetto del Tronto e in quell’occasione ha dichiarato: “Perché andiamo a Lourdes? Ciascuno porta se stesso con un carico di attese, ansie e speranze. Portiamo con noi le nostre sofferenze e li metteremo ai piedi della Vergine Maria.
Portiamo a Lourdes noi stessi.
Vi chiedo di essere capaci di fare silenzio davanti alla grotta, guardate e lasciatevi guardare, perché lo sguardo di Maria dona gioia e pace.
A Lourdes non andiamo individualmente, ma andiamo insieme e con occhi attenti a chi ci sta vicino.
Cosa portare via da Lourdes?
L’11 ottobre inizia l’anno della Fede  per ricordare i 50 anni del concilio Vaticano II, per quell’occasione il Beato Giovanni XXVII venne a Loreto in treno per mettere il concilio ai piedi di Maria.
Portiamo a casa la fede, una fede rinnovata e fortificata con la voglia di pregare di più.
La preghiera è il respiro e la medicina per stare bene e fare del bene.
Auguri di un buon pellegrinaggio.

Don Vincenzo ha invece voluto dedicare le parole di Sant’Agostino per augurare ai fedeli un buon cammino.

Come sogliono cantare i viandanti,
canta anche tu, ma cammina,
cantando consolati della fatica
ma non amare la pigrizia,
canta e cammina.

Se progredisci, cammini
Ma progredisci nel bene,
nella retta fede,
nella buona condotta.

Canta e cammina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *