Riordino delle Province, interviene Celani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PROVINCIA – Pubblichiamo la nota del presidente della Provincia di Ascoli Piceno Piero Celani: “Premesso che non c’è alcuna intenzione di polemizzare con l’On. Ciccanti riguardo alla questione del riordino delle Province né, come appare sulla stampa, sono “in rotta” con nessuno dato che il sottoscritto è sempre andato avanti con coerenza nella sua attività politica, (semmai qualcun altro si è allontanato dal mio percorso); tuttavia ho il dovere di fare alcune precisazioni. Ciò visto anche l’attivismo frenetico dell’Udc che fa dichiarazioni diverse ogni giorno e “tirandomi per la giacca”, ad uso e consumo dei vari territori (Ascoli, Fermo e Macerata) in una girandola di improbabili equilibrismi.

Mi si consiglia, anzi mi si “intima” di ritirare la firma dalla delibera del CAL favorevole al ricorso alla Corte Costituzionale per il riordino delle Province. Ebbene, ho votato all’unanimità, insieme agli altri presidenti e componenti del CAL, semplicemente una delibera a salvaguardia delle prerogative costituzionali delle Province e quindi dei servizi che andranno a gestire sul territorio e della loro capacità come Enti di incidere efficacemente sulla vita e lo sviluppo delle comunità locali; che è poi la vera sostanza del discorso, quello che veramente interessa ai cittadini, non certo i giochi di risiko e la ridda di ipotesi che quotidianamente vengono esternate sulla stampa sul presunto assetto del nuovo super Ente.

Il mio indirizzo di voto è stato quindi perfettamente coerente con i fatti e le situazioni in evoluzione e lo testimoniano ampiamente le date dei vari documenti. Infatti, la delibera del CAL è stata approvata il 25 luglio nelle more di conversione in legge del decreto della Spending Review dove ancora la questione dei criteri di riordino delle Province era “nebulosa” e che sarebbe stato poi varato il 7 agosto.   

Una delibera quella del CAL votata, ripeto, all’unanimità: che avrei dovuto fare non sottoscriverla solo perché nell’ordinanza del Governo si indicavano determinati parametri peraltro suscettibili di modifica in sede di esame parlamentare? Allora si, in quel caso, che avrei peccato di campanilismo e sarei apparso come l’ultimo dei mohicani a difesa di presunti “interessi di cortile”. Ritengo che la vera “generosità” e l’apertura al dialogo e agli interessi di tutti i territori si dimostrino nei fatti attraverso le decisioni nelle sedi istituzionali appropriate, non certo con le chiacchiere e nelle ipotesi colorite e fantasiose che lascio volentieri ad altri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *